Primo PianoScuola e UniversitàSocietà

A Palermo il convegno dei Cavalieri Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana: “L’ANCRI per le future generazioni. Comprendere il disagio psicologico dei ragazzi e prevenire i comportamenti a rischio”

L’ANCRI, l’Associazione Nazionale degli Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana ha organizzato ieri a Palermo all’Hotel San Paolo l’incontro dibattito sul tema: “L’ANCRI per le future generazioni: comprendere il disagio psicologico per prevenire i comportamenti a rischio”.

Per i saluti istituzionali sono intervenuti il Sindaco di Palermo, Roberto Lagalla; il Presidente della sezione ANCRI Palermo, Matteo Neri; il Presidente nazionale ANCRI, Tommaso Bove; il Questore di Palermo, Leopoldo Laricchia e la Vice Prefetto Vicario di Palermo Anna Aurora Colosimo.

Il Cav. di Gran Croce, prefetto Francesco Tagliente

Il dibattito, aperto con l’Inno Nazionale, è stato moderato dal Cav. di Gran Croce, prefetto Francesco Tagliente che ha aperto i lavori con una relazione introduttiva sui comportamenti a rischio dei giovani con un cenno alla evoluzione del fenomeno delle gang giovanili. Sono intervenuti poi, il Prof. Mario Rusconi, Presidente dell’Associazione Nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola di Roma; il Prof. Nicola Ferrigni, Direttore Osservatorio permanente sui giovani “Generazione Proteo”, esperto di politiche giovanili, Professore di Sociologia e Maria Carla Bocchino, Dirigente Superiore della Polizia di Stato, Delegata ANCRI alle politiche giovanili. Per gli aspetti psicologici e psichiatrici del fenomeno, è intervenuto il neuroscienziato psichiatra Pietro Pietrini, professore di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica della Scuola IMT Alti Studi Lucca. È previsto anche un intervento del Prof Manlio Corselli, Professore di filosofia politica presso il dipartimento di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali dell’Università degli Studi di Palermo e del Questore di Livorno Roberto Massucci.

 

“Con questa iniziativa – dichiara Tagliente – l’ANCRI, che ha recentemente varato un progetto dal titolo “L’ANCRI per le future generazioni” vuole dare il proprio contributo per tentare di frenare l’emulazione dei cattivi educatori”. Per il Questore di Livorno, Roberto Massucci intervenuto al dibattito, “c’è bisogno di un impianto legislativo che garantisca la “paura delle conseguenze” e che debbono essere disegnati percorsi provvedimentali, preferibilmente non penali, che accorcino in maniera significativa il tempo che oggi intercorre tra il fatto e la conseguenza che ad esso si connette”. In occasione dell’incontro è stato rinnovato il nuovo consiglio dell’ANCRI della sezione territoriale di Palermo e l’Uff. Matteo Neri, Presidente uscente ha presentato la nuova squadra: presidente Prof. Manlio Corselli, vice presidente; Gen. Stefano Durante; segretario/tesoriere Dr. Filippo Gagliano; consigliere con delega al mondo scolastico Prof. Anna Maria Farina; consigliere per i rapporti con la stampa Cav. Fabio Gigante; Cav. Vincenzo Miccoli, consigliere con delega alle attività ANCRI nella provincia di Palermo; Dr. Antonino Lo Bue, consigliere con delega ai rapporti Istituzionali e il Cav. Francesco Catalano con delega ai rapporti con le Forze di Polizia.

Fabio Gigante

 

Articoli Correlati

Un commento

  1. ew131 camionisti molesti, brutta gente, molestia mentale e del sonno, parolacce e calunnia, industrie, ha detto:

    le future generazioni le multano anche?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com