Arte e CulturaPrimo Piano

A Palazzo Reale lo Spettacolo sulla Compagnia di Gesù

"Uomini per gli altri fino al Martirio" di Angelo Cuva

Palazzo Reale – Spettacolo sulla Compagnia di Gesù

“Uomini per gli altri fino al Martirio”

di Angelo Cuva

 

Nell’ambito delle Celebrazioni dell’Anno Ignaziano, nel 400° anniversario della canonizzazione dei Santi Ignazio di Loyola e Francesco Saverio, si è tenuto ieri sera nel cortile Maqueda del Palazzo Reale di Palermo lo spettacolo “Fino in fondo. Il trionfo dei Martiri” di Giovanni Isgrò, storico ed esperto di drammaturgia sacra gesuitica. L’ evento, frutto di una intensa collaborazione tra la Provincia Siciliana della Compagnia di Gesù e la Fondazione Federico II, ha ad oggetto la rappresentazione storica dell’attività missionaria di evangelizzazione svolta dai Padri Gesuiti in Giappone dai decenni della c.d. “buona accoglienza” fino a quelli delle persecuzioni e dei martiri di cui fu vittima, tra gli altri, il Padre mazarese Giovanni Matteo Adami ( 1549- 1633). Il suggestivo racconto teatrale, che consente anche di cogliere l’importanza del forte legame culturale della Compagnia di Gesù con la Città di Palermo, evidenzia uno dei valori che caratterizzano la spiritualità ignaziana e le relative “vocazioni”; quello del “servizio” del prossimo ( essere “Uomini per gli altri” diceva Padre Arrupe) per la tutela dei diritti fondamentali, della libertà della pace, senza limiti e fino al sacrificio estremo del martirio.

In tale direzione lo spettacolo lancia, anche, un messaggio di grande attualità nel contesto storico che viviamo, esaltando l’importanza della difesa dei diritti di libertà dei popoli contro ogni forma di sopraffazione.

Come ha, infatti, osservato Padre Gianni Notari S.J. “Questa celebrazione non riguarda solo il passato. Riguarda il presente e il futuro. E’ un’opportunità di rinnovamento e di riscoperta delle cose che realmente contano nella vita; un’opportunità per fermarsi e rimettere al centro quei valori che rendono il mondo più inclusivo, solidale e fraterno”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button