Cinema-Teatro-MusicaEconomia e LavoroPrimo PianoSindacato

10 e 11 Luglio al Teatro Chaplin di Catania “13 Maggio 1978”

Chissà se esiste davvero un ponte tra un ponte di riflessione tra la realtà e la diversità, quella combinazione di atteggiamenti ed enigmatiche emarginazioni che la società cosiddetta “civile” non ama osservare né avvicinare troppo. “Perché è sempre difficile parlare di ciò che non è esattamente normale, ammesso che esista davvero, da qualche parte, qualcosa che possa definirsi effettivamente tale”.

Poche parole, precise non scontate quelle che utilizza Nicola Costa, attore, regista e drammaturgo che, con il suo nuovo spettacolo, sta per toccare l’ultima tappa del laboratorio di drammatizzazione organizzato dall’Accademia d’Arte Drammatica “Giovanni Grasso” di Catania, artisticamente diretta dallo stesso Costa, ovvero una delle strutture maggiormente accreditate del meridione per la formazione teatrale e che, proprio in questi giorni, sta effettuando i colloqui per le ammissioni al prossimo laboratorio teatrale 2014-15 (a tal proposito gli interessati possono contattare la segreteria dell’accademia al numero 095.500583 o scrivere una email ad uno degli indirizzi riportati sul sito www.accademiagiovannigrasso.it).

Livio Milazzo, Giorgia Portelli, Anna Cutore, Anna Vasta, Claudia D’Agosta, Rosetta Bongiovanni, Alessandra Nesci, Fausto Polonio, Maria Busacca, Claudio Conti, Cristina Cortese, Emiliano Scuderi ed Eleonora Catanzaro, coadiuvate dalle attrici Eleonora Lipuma e Giada Caponetti sono gli interpreti a cui Costa affiderà idee ed emozioni in sintonia con il suo modo di far teatro, sempre autentico, forte e ben lontano da schemi politici o commerciali, che hanno fatto dell’artista catanese uno dei nomi maggiormente accreditati per ciò che riguarda la drammaturgia contemporanea nella nostra isola e non solo.

Tanti personaggi, per raccontare un solo tema, tanto delicato quanto impattante: una donna che si crede Charlie Chaplin ed un giovane uomo che vive da James Bond; un demone incompreso, una presunta scassinatrice di supermercati, un sogno che vive la sua esistenza come un incubo, una sacerdotessa che decreta sentenze antiche, un inedito Ulisse, una presunta vittima di mafia, una colf che crede e fa credere di essere una diva polacca. E poi ancora i personaggi pirandelliani e quelli circensi a far da contro altare alle donne più maltrattate della storia. Un vero e proprio universo a confronto che merita di essere percorso e che siamo certi non deluderà le aspettative di quel pubblico che ama il teatro inedito, mirato ed ancora capace di muovere emozioni.

Gli spettacoli inizieranno alle 20:30. Il costo del biglietto d’accesso sarà di 7 Euro.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com