Scuola & Università

Zen. Lo sport contro il bullismo alla scuola “G.Falcone”

Scena di bullismo nel film Arancia Meccanica (1971)

 

La percentuale di vittime in seguito ad episodi di violenza è in crescente aumento negli ultimi anni e più del 70% dei ragazzi vede nel bullismo una delle principali piaghe della civiltà contemporanea.

La perenne bramosia di sopraffazione, soprattutto manifesta nel ‘branco’, potrebbe avere origini ataviche che convergono sull’ipotesi che vede la sopraffazione dell’istinto ‘animalesco’ e primitivo sulla ratio la quale dovrebbe invece contraddistinguere l’uomo da ogni altro animale.

Un’analisi più concreta, invece, porta a considerare i continui atti di bullismo come frutto di un’educazione semplicistica magari accompagnata da una forte repressione che può portare ad una manifestazione eccessiva della propria impulsività.

Il fatto che spesso gli episodi di violenza o la voglia di sopraffazione nei confronti del più debole possano aver sede in contesti e luoghi socialmente più disagiati è una mera constatazione che non vuole nella maniera più assoluta criminalizzare alcuna forma di educazione o cultura.

Per vincere e domare questo diffuso fenomeno, l’osservatorio nazionale della presidenza del Coni ha organizzato in collaborazione con il sindacato autonomo di Polizia,  una manifestazione di sensibilizzazione all’Ics ”G.Falcone” dello Zen di Palermo.  ”Unica scuola siciliana scelta dalla segreteria provinciale di Palermo del sindacato autonomo di polizia – affermano i promotori – in un progetto nazionale, perché opera in un contesto a forte rischio di derive comportamentali”.

Il primo incontro si è svolto lo scorso 29 aprile in cui ha avuto luogo un torneo di calcio a 5 composto da quattro squadre miste – “Memorial Andrea Parisi” – in ricordo dell’ alunno della scuola Falcone tragicamente deceduto lo scorso gennaio durante una partita tra amici; presenti anche i giocatori del Palermo Salvatore Aronica e Paulo Dybala che hanno consegnato i premi ai ragazzi. Oggi è prevista la seconda tappa della manifestazione in cui si punterà l’attenzione sull’importanza dello sport rispetto alla personale esperienza di vita – in quanto ottimo esempio di sfogo adolescenziale, di etica comportamentale – ed in quanto panacea delle principali devianze nelle nuove generazioni. Gli alunni della scuola  incontreranno sia alcuni dirigenti della squadra di calcio del Palermo, sia autorità provinciali e locali. Con loro,  saranno presenti anche Luca Massaccesi (campione olimpico di Taekwondo) e Felice Mariani ( ex giocatore e ora allenatore di judo).

La terza ed ultima tappa  si svolgerà, invece,  giovedì 16 maggio in occasione dell’inaugurazione della rinnovata palestra della scuola Falcone (distrutta due anni fa in seguito ad atti di vandalismo) con la consegna, per i migliori elaborati stilati dai ragazzi sul tema del bullismo e doping,  delle maglie autografate dei due calciatori intervenuti ed un pallone firmato da tutti i giocatori della squadra allenata da mister Sannino.

Simone Giuffrida

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.