Primo Piano

Youtube e i sottotitoli poliglotti

Youtube

Non è passato molto tempo da quando YouTube, che è la più grande piattaforma per la condivisione dei video non protetti da diritto d’autore, ha attivato un servizio completamente automatico per la generazione di sottotitoli.

Questo servizio si basa su un riconoscitore vocale, implementato tramite alcuni algoritmi di codifica molto simili a quelli che usa “Google Traduttore”. Sebbene inizialmente il supporto era destinato a un pubblico anglosassone, in quanto, in primis, i sottotitoli erano generati automaticamente in lingua inglese, da qualche giorno, gli utenti possono beneficiare delle utili, anche se non perfette, traduzioni ‘real time’ effettuate da Youtube.

II traduttore è automatico, ha un dizionario integrato e un insieme di regole grammaticali, ma, come ogni altro traduttore automatico, è ‘non context free’, ossia non percepisce, per esempio ‘i doppi sensi’. Le competenze del parlante sono tutt’altra cosa, sebbene l’intelligenza artificiale negli ultimi anni abbia fatto grandi progressi .

Si può passare quindi dal parlato inglese al tedesco o all’italiano scritti, dal russo al portoghese. I sottotitoli sono generati cliccando il pulsante CC, come si può vedere dallo screenshoot. Le lingue oggi supportate sono moltissime e l’utenza Europea può persino avvicinarsi alle lingue orientali grazie a questo servizio.

Francesco Arpa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.