Economia & Lavoro

Windjet, Confconsumatori: “La priorità ai diritti dei passeggeri”

Foto Internet

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa della Confconsumatori Sicilia:

La tutela dei diritti dei passeggeri è la priorità anche per il futuro di Wind Jet. La possibile soluzione prospettata ieri, peraltro sostanzialmente smentita dalla stessa compagnia, così come tutte le altri ipotizzate e possibili, sembrano relegare a una posizione giuridica marginale il diritto al risarcimento dei passeggeri. Ma le cose non stanno così.

È bene ricordare che l’art. 783 del codice della navigazione – forse dimenticato, in questi giorni di febbrili trattative – ha per oggetto la “tutela del consumatore” nei servizi di trasporto aereo. Pertanto qualsiasi soluzione non può prescindere da tale disposizione normativa, che, unitamente al regolamento comunitario n. 261/2004, conferisce alla tutela dei diritti dei passeggeri, anche in un caso come questo, una posizione di “specialità”. È vero che i passeggeri non sono tecnicamente dei creditori privilegiati, ma la tutela dei loro diritti viene ancora prima e, in qualche modo, é il presupposto affinché tutti gli altri creditori, privilegiati e non, possano sperare di essere soddisfatti.

I creditori diversi dai passeggeri della WJ sono nella maggioranza aziende (banche, service providers, aeroporti) che hanno consapevolmente, nell’ambito della discrezionalità d’impresa e dei rischi ad essa connessi, scelto di autorizzare o comunque consentire il rinvio nel tempo dell’obbligo all’adempimento da parte del vettore. I passeggeri, invece, si sono limitati ad acquistare il biglietto facendo ragionevole affidamento sulla compagnia in quanto titolare di licenza governativa.

Ne consegue che qualsiasi ipotesi che non abbia come priorità la “specialità” del diritto al rimborso e al risarcimento dei passeggeri incontrerà la nostra avversione e impugneremo ogni conseguente atto innanzi a tutte le competenti autorità giudiziarie.

Per tali motivi rivolgiamo un invito all’Enac e al Ministero dello Sviluppo Economico, ciascuno per quanto di propria competenza, alla massima vigilanza in questa delicata fase, prima che venga adottato qualsiasi atto e presa qualsiasi decisione, che possa calpestare i diritti dei passeggeri. Inoltre chiediamo che, da subito, diano espresse indicazioni e direttive.

«Il tempo + scaduto! Con senso di responsabilità abbiamo atteso una risposta sui disagi e sui danni arrecati ai consumatori, ma abbiamo registrato un assordante silenzio. I passeggeri non sono fastidiosi questuanti a cui un domani, ad operazioni societarie concluse, si allargheranno le braccia. Adesso é il tempo degli interventi chiari e dell’applicazione delle norme di legge» hanno dichiarato l’avv. Carmelo Calì, responsabile Trasporti e Turismo e Mara Colla, Presidente di Confconsumatori.

Comunicato Stampa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.