Economia & LavoroPrimo Piano

Varata la nave traghetto “Messina”

Progetto nave. Foto Internet

È stata varata presso il bacino di carenaggio dei  Nuovi Cantieri Apuania, nei cantieri navali di Marina di Carrara, la nuova ammiraglia della flotta RFI- Bluvia, per la navigazione sullo Stretto, chiamata “Messina”.

La nave rimarrà ormeggiata presso il molo del cantiere a Marina di Carrara in attesa delle rifiniture interne e dei vari collaudi a cui dovrà essere sottoposta prima della consegna ufficiale alla società armatrice.

La nuova nave traghetto ha una portata di 2 mila e 500 tonnellate, con una lunghezza di 147 metri per una larghezza di 18 metri e potrà raggiungere la velocità di 18,7 nodi. Sarà adibita al trasporto di passeggeri, carrozze e carri ferroviari.

Sulla fiancata sarà apposto e reso visibile il nome “Messina”. La scelta di tale nome è frutto dell’interessamento di Giovanni Russo (Presidente dell’Associazione Ferrovie Siciliane) e dello storico Giovan Giuseppe Mellusi (Società Messinese di Storia Patria) che nel 2011 costituirono il “Comitato pro nave traghetto Messina”, affinché la nuova nave traghetto commissionata da RFI venisse battezzata con il nome dell’omonimo traghetto, radiato nel 1981 dopo ben 57 anni di servizio, che rappresentò il simbolo della rinascita della città dello Stretto dopo il disastroso sisma del 1908 e fu l’unica nave traghetto a sopravvivere alle distruzioni del secondo conflitto mondiale permettendo, quindi, il ripristino dei collegamenti tra le due sponde dello Stretto.

Sull’accoglimento della proposta da parte di RFI, si può essere certamente soddisfatti, anche se rimane una sorta di contentino che non porta economia alla città. Della storica capitale economica della Sicilia, che contendeva a Palermo il titolo di Capitale del Regno di Sicilia, e dai cui, ormai ex suoi, Cantieri Navali Rodriquez, negli anni ’50 del Novecento, venne realizzato il primo esemplare di Aliscafo commerciale, non resta altro che compiacersi nel vedere il proprio nome su una nave traghetto costruita altrove.

 Marcello Russo

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.