Esteri

Usa, madre condannata a 99 anni: incollò le mani della figlia

La madre Elizabeth Escalona

Durissima condanna per Elizabeth Escalona, 23 anni, la madre “mostro” che incollò le mani della figlia per punizione. A definirla tale e a  stabilire la pena è stato un giudice del Texas, negli Stati Uniti d’America, che ha previsto ben 99 anni di carcere per la donna.

Il fatto incriminato risale allo scorso anno, quando la piccola Jocelyn Cedillo, di soli due anni, si “ostinava” a non voler fare la pipì nel vasino e la madre, per punirla, le ha incollato le mani al muro. Super colla a parte, la Escalona si è poi sfogata sulla piccola con calci e pugni, tanto da causarle una commozione cerebrale; per questo motivo la bambina è finita  per due giorni in coma. Inoltre, Jocelyn nella foga di staccarsi dalla parete ha perso gran parte della pelle delle mani.

La madre si era dichiarata colpevole già nel luglio del 2011, rimanendo fino a venerdì scorso in carcere in attesa di giudizio. Alla lettura della sentenza Elizabeth e i suoi familiari sono scoppiati a piangere, non riuscendo a credere in una pena tanto severa.

Intanto, la piccola Jocelyn Cedillo è stata affidata in custodia alla nonna materna, la stessa che insieme alla sorella della condannata ha chiesto clemenza in tribunale. Anche stavolta, per fortuna, l’intransigente giustizia americana ha avuto la meglio…

Rosaria Cucinella

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.