Economia & LavoroPrimo Piano

UniCredit presenta a Monaco le opportunità delle ZES della Campania e della Sicilia

Si è svolta a Monaco di Baviera, presso la sede di HVB, la presentazione delle Zone Economiche Speciali  italiane

Dopo Vienna, prosegue in Germania il Roadshow di UniCredit per presentare le opportunità delle ZES del  Mezzogiorno: per le aziende interessate ad investire nelle Zone Economiche Speciali importanti agevolazioni  fiscali, vantaggi finanziari e procedure amministrative e doganali semplificate .

Si è svolta a Monaco di Baviera, presso la sede di HVB, la presentazione delle Zone Economiche Speciali  italiane. Dopo la tappa in Austria, che si è tenuta lo scorso giugno a Vienna, prosegue quindi in Germania il  Roadshow internazionale che UniCredit ha predisposto per illustrare le misure e i vantaggi previsti dalle ZES.
Le Zone Economiche Speciali, istituite con Decreto legge del 20 giugno 2017, sono finalizzate a favorire la  creazione di condizioni più favorevoli in termini economici, finanziari e amministrativi, che consentano lo  sviluppo delle iniziative imprenditoriali in alcune aree del Paese. La norma è destinata a Sicilia, Calabria,  Basilicata, Puglia, Campania, Sardegna, Abruzzo e Molise.
Sono stati 30 gli imprenditori tedeschi intervenuti all’incontro organizzato da UniCredit, tutti potenzialmente  interessati ad investire nelle regioni del Mezzogiorno, a cui sono stati illustrati i vantaggi previsti dalla  misura. Le imprese insediate nelle ZES, infatti, sono soggette ad un sistema differenziato di regole e  opportunità, beneficiando di una combinazione integrata di contributi e incentivi finanziari, di misure fiscali,  di procedure autorizzative semplificate e di sostegno alla ricerca, all’innovazione ed al trasferimento  tecnologico.
“Le ZES costituiscono per il Sud del Paese una importante misura di incentivazione della crescita, come già  avvenuto anche in altre nazioni europee – ha affermato Andrea Casini, Co-Ceo Commercial Banking Italy di  UniCredit – cercare di attrarre i grandi investimenti delle imprese nelle aree ZES può infatti costituire un  volano per promuovere un nuovo sviluppo delle regioni del Mezzogiorno, a vantaggio di tutto il Paese.
UniCredit mette a disposizione del territorio la rete internazionale, con banche leader in 14 mercati strategici  e una importante presenza operativa in altri 18 Paesi in tutto il mondo, proprio con l’obiettivo di favorire  l’afflusso di investimenti, che è oggi fondamentale per promuovere uno sviluppo duraturo e sostenibile nel  tempo. Proprio per questo abbiamo anche messo a disposizione un plafond di 1 miliardo di euro a favore  delle imprese che vogliono investire nelle ZES, partendo dalla Sicilia, con l’obiettivo di estendere l’iniziativa  anche alle altre ZES già operative”.
L’iniziativa di UniCredit ha visto il coinvolgimento delle strutture delle Region Sud e Sicilia di UniCredit,
guidate rispettivamente da Annalisa Areni e da Salvatore Malandrino.

L’incontro ha visto i saluti di benvenuto di Holger Frank, Head of UniCredit International Center Germany, di  Alessandro Paoli, Head of UniCredit International Center Italy e di Enrico De Agostini, Console generale  d’Italia a Monaco di Baviera. Successivamente Alexander Angerer, Team Leader International Business  Development della Camera di Commercio italo-tedesca, ha illustrato lo stato delle prospettive economiche e  delle relazioni d’affari italo-tedesche. Luigi Traettino, Presidente di Confindustria Caserta e componente del  Comitato di Indirizzo della ZES Campania, ha illustrato le opportunità per investire nella regione, mentre  Flora Albano, Responsabile Ufficio Politiche Comunitarie dell’Autorità Portuale Sicilia Occidentale e  Massimo Scatà, Responsabile Affari Generali dell’ Autorità Portuale Sicilia Orientale, hanno presentato le  opportunità della ZES Sicilia. Ha concluso i lavori Ferdinando Natali, Responsabile Corporate Sud e Sicilia di  UniCredit, che ha parlato dei servizi messi a disposizione da UniCredit per gli imprenditori interessati a  cogliere le opportunità delle ZES del Sud.

Tags
Moltra altro

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

3 commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.