Primo PianoSalute & Sanità

Unicredit Group, costituito in Italia l’Osservatorio Aziendale sulla Disabilità, un esempio virtuoso da seguire in tutte le aziende nazionali

L’Osservatorio Aziendale sulla Disabilità, costituisce in Unicredit un valido strumento affinché tutte le barriere, non solo quelle fisiche, ma anche quelle mentali, vengano rimosse realmente

 

Il  Gruppo Unicredit ha istituito in Italia un’ Osservatorio Aziendale sulla Disabilità, frutto di una positiva sinergia fra Organizzazioni Sindacali e Azienda.
L’Osservatorio si avvale della figura di un Disability Manager, nella persona di Francesca Bonsi Magnoni,  più un rappresentate per le sigle di categoria, FABI, FISAC CGIL, FIRST CISL, UILCA e UNISIN, al fine di  occuparsi della reale inclusione dei lavoratori, consentendo loro di conciliare le esigenze di cura, lavoro e vita, oltreché monitorandone il percorso formativo e di integrazione, per identificare eventuali cause di mancata valorizzazione professionale e produttiva.
Tutto ciò rappresenta un’importante conquista da estendere ad altre realtà aziendali, perché con costi irrilevanti, porterebbe grandi vantaggi per la produttività, per la salute mentale e fisica dei lavoratori, per le loro famiglie e per l’intera collettività.

L’Osservatorio si riunisce almeno due  volte l’anno, ed è sperimentale in questa fase d’avvio fino a dicembre 2019.

Il prossimo appuntamento è calendarizzato per il 14 dicembre 2019, data in cui si discuterà di sclerosi multipla, ma ci sono già stati numerosi incontri per i disabili motori e uditivi.

L’Osservatorio Aziendale sulla Disabilità, costituisce in Unicredit un valido strumento  affinché tutte le barriere, non solo quelle fisiche, ma anche quelle mentali, vengano rimosse realmente, superando gli stereotipi e i pregiudizi che hanno caratterizzato il percorso dei lavoratori con disabilità.

 

Tags
Moltra altro

Filippo Virzì

Giornalista radio/televisivo freelance, esperto in comunicazione integrata multimediale.

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.