Primo Piano

Un siciliano nello spazio, Parmitano pronto a partire

Mancano poche ore ormai all’inizio di un evento molto curioso e allo stesso tempo molto importante. Nella notte di martedì 28 maggio l’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) e pilota sperimentatore dell’Aeronautica Militare Luca Parmitano decollerà dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan dando così inizio alla missione denominata “Volare”.

Parmitano farà parte dell’equipaggio assieme al cosmonauta russo Fyodor Yurchikhin e all’astronauta statunitense della Nasa Karen Nyberg; i tre saranno lanciati con una Soyuz TMA-09M di ultima generazione che in circa sette ore di volo li porterà sulla Stazione Spaziale Internazionale.

A benedire questa passeggiata molto particolare potrebbe esserci anche Papa Francesco attraverso un collegamento speciale; il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Enrico Saggese si dice fiducioso nella riuscita della missione e anche dell’incontro speciale tra l’astronauta siciliano e il Sommo Pontefice, così come accadde a fine maggio del 2011, quando Papa Benedetto XVI salutò Roberto Vittori e Paolo Nespoli, in un eccezionale collegamento dalla Sala Foconi della Biblioteca Vaticana con la Stazione Spaziale Internazionale.

Luca Parmitano è nato a Paternò (Catania), è sposato e ha due bambine di tre e sei anni e sarà il quarto italiano a raggiungere la Iss e realizzerà venti esperimenti tecnico-scientifici dell’Esa, la maggior parte nel laboratorio europeo Columbus. Dal suo blog il nostro astronauta spiega che l’equipaggio eseguirà diverse attività prima di poter effettivamente aprire il portellone ed entrare finalmente nella Stazione. Dovranno eseguire test per controllare se la Soyuz e la Iss si siano agganciate correttamente e se abbiano raggiunto la stessa pressione. Una volta che tutto sarà ok, gli astronauti potranno entrare nella Stazione. Parmitano ha già parecchia esperienza alle spalle, ma ammette che provare un po’ di paura è assolutamente umano e normale e confessa inoltre di sentirsi molto emozionato.

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.