CronacaPrimo Piano

Tre donne bloccate dalla Polizia con 85 capi d’abbigliamento sottratti all’ OVIESSE di Corso Calatafimi

foto di Antonella Tantillo @copyright Panastudio
foto di Antonella Tantillo @copyright Panastudio

(di redazione) E’ stato l’occhio attento di alcuni agenti della Polizia di Stato a notare tre donne che oggi erano riuscite a sottrarre ben 85 capi di abbigliamento per un valore di circa 1500 euro dall’Oviesse di Corso Calatafimi, che dopo aver raggiunto la propria vettura si allontanavano velocemente dal luogo del reato, ignare di esser già seguite dalle forze dell’ordine.

Agenti della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di P.S. “Porta Nuova”, hanno tratto in arresto tre donne palermitane, L.M. D., 25enne, F. G., 21enne e B. M. 29enne, in quanto resisi responsabili del reato di furto aggravato, in concorso.

Intorno alle ore 12:30, i poliziotti durante il normale servizio di prevenzione e controllo del territorio, mentre percorrevano Corso Calatafimi, in direzione Piazza Indipendenza, notavano tre donne, con delle borse ricolme, uscire in maniera frettolosa e con fare sospetto dall’esercizio Commerciale “Oviesse”, prima di introdursi all’interno di autovettura in sosta, nella adiacente via ed allontanarsi velocemente.

Gli Agenti, insospettiti da tale atteggiamento, decidevano di seguire l’auto che, dopo essersi immessa in Viale Regione Siciliana, iniziava a zigzagare nel traffico; decidevano, pertanto di fermare l’auto e procedevano ad un controllo.

Le tre donne, vistosi scoperte e senza via di fuga, ammettevano le loro colpe confessando il furto di diversi capi di abbigliamento, occultati in cinque borse, poggiate sul sedile posteriore dell’autovettura.

Inoltre, dagli accertamenti effettuati, è risultato come il mezzo in loro possesso fosse privo di assicurazione e come L.M.D., che era alla guida dello stesso, non avesse mai conseguito la patente di guida, pertanto, si procedeva al fermo e sequestro del mezzo.

Il responsabile dell’Oviesse, contattato dai poliziotti, confermava l’ammanco e riconosceva come pertinenti al suo esercizio i numerosi capi di abbigliamento sottratti, quasi tutti, per altro, privi del dispositivo antitaccheggio.

Il numero dei capi di abbigliamento sottratti ed inventariati dalla Polizia di Stato ammonta ad 85, con prevalenza di abiti ed accessori per bambini ed adolescenti ed il suo valore ammonta a 1500,00 euro, circa.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.