Scuola & Università

“Ti abbiamo a cuore”, 300 nuovi defibrillatori in Sicilia

Ti abbiamo a cuore. Foto Internet

Si tratta di un progetto realizzato dall’assessorato regionale della Salute e che riguarda la collocazione di 300 defibrillatori nei luoghi pubblici, come porti, stazioni ferroviarie, aeroporti, università, uffici postali, parchi, farmacie, impianti sportivi, comuni e lidi balneari.

Non si darà priorità solo a zone affollate ma anche a luoghi disagiati e isolati. L’obiettivo è la diffusione delle tecniche di rianimazione cardiopolmonare a tutti i cittadini e non solo agli esperti del settore.

La società che si occuperà della gara di appalto per la vendita dei defribillatori sarà la Seus. Questa iniziativa è già stata finanziata con 335 mila euro ma sarà completa con l’ultima tranche di eguale valore. La cifra spesa comprende pure la manutenzione annuale, l’aggiornamento del sistema interno ai defribillatori e delle procedure di rianimazione, l’assicurazione contro scasso e furto e la sostituzione in caso di cattivo funzionamento.

“La Seus si occuperà anche di impartire istruzioni sull’uso dei defibrillatori, formando personale esterno individuato tra gli addetti e gli impiegati dei luoghi dove saranno collocati. L’obiettivo del progetto è abbattere drasticamente il numero dei siciliani, circa 3.000, che ogni anno muoiono improvvisamente per problemi cardiaci“, dichiara il direttore sanitario Dino Alagna.

Federica Raccuglia

Tags
Moltra altro

Federica Raccuglia

Ho 22 anni, sono fieramente palermitana, attualmente in terra romana. Sono laureata in "Giornalismo per uffici stampa" e attualmente frequento il corso magistrale in "Editoria e comunicazione" presso Tor Vergata (Roma). Collaboro dal 2010 con quotidiani sia online che cartacei, tra cui il Giornale di Sicilia e Il Moderatore.it. Sogno di diventare una giornalista.

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.