Scuola & Università

Test di medicina: spunta anche lo spread

foto da iconfronti.it

Da piccoli giocavano all’allegro chirurgo e vedevano il cartoon “Siamo fatti così”, da adolescenti il dottore House era il loro mito e le loro storie d’amore erano ispirate a Grey’s Anatomy,  adesso però sognano una carriera con il camice bianco.

Come ogni anno si sono svolti oggi in Italia gli esami di ammissione alle facoltà a numero programmato di Medicina, Chirurgia ed Odontoiatria e Protesi dentaria. Gli studenti che hanno presentato domanda di accesso alla prova selettiva in Sicilia sono stati 9.564 per 1.000 posti disponibili in tutto tra gli atenei di Palermo, Catania e Messina. Soltanto all’Università di Palermo, gli aspiranti medici e dentisti sono 3.365 per 400 posti in medicina e 22 in Odontoiatria.

Attraverso Facebook i giovani studenti  hanno raccontato gli 80 quesiti che in due ore hanno fatto tremare i futuri dr house e da quello che si legge le domande più ostiche sarebbero state quelle di chimica.
Gli argomenti proposti ai candidati hanno spaziato dallo spread alla data di costruzione del muro di Berlino. Tra le domande un quesito sul calcolo dell’Imu, la richiesta di mettere in ordine cronologico i premi Nobel per la letteratura italiani, da Fo a Pirandello, un quiz su Pascoli a partire dalla data della morte del padre. Molti i calcoli da fare per «fisica».

I testi dell’esame, uguali in tutta Italia, saranno pubblicati per consultazione sul sito del Ministero della Ricerca mentre per i risultati si dovrà aspettare almeno l’11 settembre, anche se i singoli Atenei hanno facoltà di renderli noti anche prima.
Tutti quelli che hanno partecipato ad un test di medicina in una delle zone per le quali sono state varate le graduatorie territoriali dal 6 al 10 settembre devono, invece, collegarsi al sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) per specificare il corso per il quale ci si vorrebbe immatricolare, la sede scelta e la disponibilità al trasferimento in caso di necessità.

Giada Mercadante

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

3 commenti

  1. si tanti medici qualificati…o raccomandati..ed.ecco i casi di malasanità..decessi per operazioni stupide…come sono così preparati..e poi sbagliano un’operazione di routine??????????

  2. Eppure sono indispensabili i test (qualora fossero svolti nella massima trasparenza). L’Università di Medicina e Chirurgia necessita di nuovi talenti nel settore, ma la selezione è d’obbligo, anche per una gestione ottimale degli studenti. Magari dovrebbero essere effettuati in maniera da permettere all’aspirante studente di virare verso altre competenze…non ripieghi occasionali.

  3. Incoraggiante dover aspettare l’11 settembre…..
    Non capirò mai il valore dei test d’ingresso… O meglio, capisco solo il suo valore monetario…

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.