Esteri

Tensione in Tunisia. Arrestata la Femen Amina

Alta tensione a Tunisi dove il movimento salafita di Ansar al-Sharia ha diretto i suoi seguaci a riunirsi ugualmente, nonostante il bando del governo di tenere il congresso annuale nella città di Kairouan, vicino Tunisi. Centinaia di persone hanno quindi eretto barriere nelle strade di Ettadhamen, distretto a 15 chilometri a ovest della capitale, e hanno iniziato a tirare sassi alla polizia intervenuta a sua volta con lacrimogeni e colpi di arma da fuoco in aria per bloccare la protesta.

Presidiata anche la città di Kairouan dove è stata arrestata Amina, la ragazza tunisina che aveva pubblicato le sue foto a seno nudo scatenando molte polemiche. La ragazza si era recata nella cittadina per “affrontare i salafiti”, come riferisce Tunisie Numerique, ma è stata fermata dalla polizia che ha tentato in questo modo di proteggerla. Amina, che nei giorni scorsi si era presentata con un nuovo look, capelli corti e biondi, aveva raccontato di essere stata sequestrata dalla sua famiglia dopo le foto osè che aveva pubblicato su Facebook.

Amina è stata arrestata, ha fatto sapere successivamente il governatore di Kairouan Abdelmajid Laghouan dopo essersi denudata davanti alla moschea di Okba Ibn Nafaa. Il suo era un gesto di sfida nei confronti dei numerosi salafiti asserragliati nella moschea. La ragazza è stata denunciata da molti abitanti della città. Un giovane è morto in Tunisia nel corso degli scontri tra salafiti e polizia vicino Tunisi. Lo riporta l’agenzia di stato tunisina.

È di 11 poliziotti e 3 manifestanti feriti il bilancio degli scontri tra salafisti e forze della polizia vicino Tunisi. Lo ha reso noto il ministero degli Interni aggiungendo che uno dei poliziotti e’ stato ferito piuttosto gravemente. Gli scontri si sono registrati nelle strade di Ettadhamen, distretto a 15 chilometri a ovest della capitale, dopo che venerdì il governo aveva vietato lo svolgimento del Congresso annuale di Ansar al-Sharia nella città di Kairouan. Intanto il dirigente salafita Mohamed Khalif, secondo quanto riporta la Tap, ha fatto sapere che il movimento ha spostato il vertice alla prossima domenica. Khalif ha anche chiesto al governatore di Kairouan di assicurare che i manifestanti possano ritornare verso le città senza essere arrestati dalla polizia. (AGI)

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti Potrebbe Interessare:

Close