CronacaPrimo Piano

Studente palermitano scomparso trovato carbonizzato nel Messinese

Vincenzo Liotta

 

Accanto al corpo sono state trovate alcune taniche di carburante. Ma anche della pasta non del tutto cotta. Una delle ipotesi dunque è che Vincenzo aveva deciso di trascorrere una giornata nella casa che i genitori stanno costruendo e qualcosa possa essere andato storto mentre stava cucinando.

Ma saranno i carabinieri a cercare di ricostruire l’intera vicenda. Al momento quella più accreditata è che si possa essere trattato di un incidente e che il giovane possa essere stato travolto dalle fiamme mentre stava accendendo un barbecue. Ma resta da capire perchè ci fossero delle taniche di carburante, che sicuramente non servivano ad accendere un barbecue.

I genitori e i parenti non credono al suicidio perché era un ragazzo solare e amava la vita e i suoi studi.

Liotta si era allontanato dalla sua casa in via La Marmora di mattina e non aveva più contattato i familiari che, preoccupati, si erano rivolti ai carabinieri. Il cellulare del giovane era stato intercettato l’ultima volta alle 22.30 di mercoledì nei pressi dell’aeroporto di Punta Raisi.

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.