Primo Piano

Stop lavori Anello Ferroviario, Pres. VIII Circoscrizione: “Siamo molto preoccupati. Tutto il lavoro fatto sino a ora rischia di rivelarsi inutile”

Presentazione_Anello_Palermo

Dopo lo stop ai lavori dell’Anello Ferroviario con lo sciopero indetto da parte dei lavoratori della Tecnics, arrivano i primi commenti. “Siamo davvero preoccupati per le sorti di quest’importante opera da 154 milioni di euro. Ora più che mai serve chiarezza” afferma
Marco Frasca Polara, presidente dell’VIII Circoscrizione “La nostra Circoscrizione è quella più
penalizzata perché su di essa ricade la totalità dei cantieri. In tutti
questi mesi. Abbiamo lavorato per mitigare i disagi dei cittadini, in primo luogo residenti e commercianti,
confrontandoci con la ditta Tecnis e con l’Amministrazione e facendo da “filtro” tra l’azienda e i cittadini. Ci siamo spesi per salvare i ficus di piazza Castelnuovo e rimandare la chiusura di via Amari dopo le festività
natalizie. Adesso – continua il presidente Frasca Polara – questo lavoro rischia di essere inutile. Palermo non può subire questo smacco, né assistere a questo calvario. L’opera va assolutamente completata. Non possiamo correre il rischio di perdere i finanziamenti, né tantomeno
lasciare la città sventrata dalle ruspe. Se in via Amari appare più “semplice” un eventuale ripristino del manto stradale e della vecchia viabilità, nell’area di via Sicilia e viale Lazio. Si rischia di convivere per lungo tempo con la strada devastata dalle trivelle e questo non è accettabile” conclude Polara.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.