Primo Piano

Stop ai procedimenti edilizi in Sicilia a chi non paga architetti, ingegneri e progettisti

Lo prevede un ddl del M5S presentato oggi all’Ars, a prima firma del deputato Giampiero Trizzino. Erano presenti i vertici egli ordini professionali interessati al ddl. Il deputato: “Sulla norma c’è ampia condivisione, entro l’estate potrebbe dovremmo portarlo in aula”

da snx Robero Gambino, Giampiero, Gianluca Indelicato

(di redazione) Stop ai procedimenti edilizi in Sicilia senza le quietanze di pagamento rilasciate dai professionisti che hanno redatto i progetti per ristrutturazioni, nuove costruzioni e restauri. Lo prevede un disegno di legge del M5S, primo firmatario Giampiero Trizzino, che cerca di arginare la mole di pagamenti insoluti che si registra nel settore edilizio. 

Il disegno di legge, alla cui redazioni hanno preso parte numerosi professionisti di tutta la Sicilia, è stato presentato ai giornalisti oggi nella sala stampa dell’Ars alla presenza di una nutrita rappresentanza di professionisti e vertici degli ordini professionali interessati alla norma.  

“Il testo – afferma Trizzino  –  registra una ampia condivisione, pensiamo di portarlo in aula entro l’estate. Mira a stoppare un fenomeno che, purtroppo, è in costante crescita.  Le parcelle non pagate ormai non si contano più e parecchie di quelle che vengono pagate sono saldate dopo lunghi periodi, se non anni. Per altre il pagamento va a buon fine soltanto dopo transazioni che decurtano parte dell’importo pattuito in fase di committenza dell’opera”. 

Il ddl è stato presentato come norma autonoma e sarà presentato anche come emendamento alla riforma sull’edilizia.

ll testo prevede che lo sportello unico per l’edilizia, nonché gli enti terzi che intervengono con atti  endoprocedimentali  (Soprintndenza, Genio Civile, etc), siano tenuti ad acquisire prima del rilascio dell ‘autorizzazione richiesta un’autocertificazione rilasciata dai professionisti incaricati  che attesti l’avvenuto pagamento dei compensi pattuiti. 

Analogo via libera con tanto di quietanza dovrà essere prodotta ai comuni alla fine dei lavori dagli incaricati della direzione dei lavori e dagli incaricati di ogni prestazione professionale relativa alla fase di esecuzione dei lavori.

Assieme a Trizzino hanno illustrato il ddl gli architetti Roberto Gambino e Gianluca Indelicato, Paolo Lo Iacono, presidente dell’Ordine degli ordine architetti di Caltanissetta e vicepresidente della consulta regionale degli ordini degli architetti, Paolo Nicolosi, presidente della consulta regionale dei geometri, Giuseppe Margiotta, presidente della consulta degli ingegneri siciliani, Alessandro Amaro, presidente dell’ordine degli architetti di Catania, Vincenzo Di Dio, presidente dell’ordine degli ingegneri di Palermo, l’architetto Antonello Longo e l’ingegnere Marco Tedesco.

Quasi tutti hanno sottolineato come il testo sia una norma di civiltà che restituisce dignità ai professionisti.  Roberto Gambino ha evidenziato il fatto che la legge potrebbe portare anche all’azzeramento dei contenziosi dei professionisti con l’agenzia delle Entrare nel giro di qualche anno.

Il video integrale della diretta social https://www.facebook.com/MoVimento5StelleSicilia/videos/941135819424998/

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.