Esteri

Staminali: équipe di chirurghi salva bambina Usa

La ricerca sulle staminali fa passi da gigante, e lo dimostra un intervento eccezionale compiuto nel “Children Hospital” dell’Illinois da un’équipe internazionale di medici su una bambina di due anni. È il primo intervento di questo tipo a livello mondiale su un bimbo.

Hannah, questo il nome della piccola paziente, è  nata senza trachea e i medici, guidati dal massimo esperto in trapianti di trachea Dott. Paolo Macchiarini, hanno eseguito questa forma particolare di trapianto con cui hanno sostituito l’organo mancante con uno creato ad hoc utilizzando cellule staminali prelevate dal suo midollo osseo e successivamente coltivate in una provetta di plastica.

La tecnica utilizzata  è stata inventata e perfezionata dallo stesso Macchiarini consiste nell’immergere una trachea costruita in laboratorio nelle cellule staminali del paziente evitando così al pazientestesso il rischio del rigetto post-operatorio. Ciò diventa possibile in quanto le cellule staminali saranno riconosciute come proprie e non provocheranno una risposta immunitaria, riducendo così il ricorso a farmaci immunosoppressori.

L’intervento, durato nove ore, è stato effettuato il nove aprile scorso e la piccola Hannah, a parte qualche piccola complicazione, sta bene.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti Potrebbe Interessare:

Close