PoliticaPrimo Piano

Cresce il consenso sui grillini: lo dicono i sondaggi

Foto da Panorama.it

Mentre Beppe Grillo è impegnato nel suo tour siciliano per promuovere la sua lista alle prossime regionali in Sicilia, è lecito domandarsi quanto il Movimento 5 Stelle stia crescendo e se i consensi, in costante crescita nelle scorse amministrative, avranno un seguito nelle politiche in programma nella primavera del 2013, quando tutta l’Italia sarà chiamata alle urne.

Ebbene, stando ai risultati divulgati da svariati istituti di ricerca, i sondaggi continuano a dare ragione al manifesto di protesta e alla nuova proposta che gli attivisti del movimento e Grillo stanno battendo. L’ultima rilevazione, effettuata da Swg, vede il Movimento 5 Stelle salire nientemeno che al 21 per cento, facendolo così divenire il secondo partito, piazzandosi infatti solo alle spalle del Pd, che secondo l’istituto triestino avrebbe raggiunto una percentuale di consensi vicina al 26 per cento. Per i grillini, questo sarebbe un nuovco record: l’ultima rilevazione, data sempre da Swg, li dava infatti poco sotto il 19 per cento.

A raffredare un po’ gli entusiasmi ci pensa però il risultato divulgato, sempre nella giornata di ieri, da un altro istituto di sondaggi, Spincon, che assesta i grillini al 14,4 per cento, in diminuzione di 0,4 punti percentuali rispetto alla valutazione della settimana scorsa. I sondaggi Spincon sono fra i pochi a registrare una costante caduta di consensi del Movimento 5 Stelle. Secondo le loro rivelazioni infatti, i grillini avrebbero perso negli ultimi quattro mesi circa tre punti percentuali, visto che a giugno, le preferenze espresse per il Movimento 5 Stelle dagli intervistati dalla Spicon toccavano il 17 per cento.

È di 16,5 per cento invece la percentuale di consensi che i grillini meritano, secondo le rivelazioni registrate dall’Ipr e rese note il 18 ottobre, mentre vicine sono le valutazioni di Ipsos (17,6), Emg (17,7) e Demopolis (18). Unica voce fuori dal coro è quella legate alle valutazioni di Tecnè, che dà ai grillini solo il 4,5 per cento.  Sommando tutte le ultime rilevazioni sondaggistiche dei vari istituti insomma al Movimento 5 Stelle, toccherebbe in totale una media del 15,6 per cento che lo piazzerebbe al terzo posto, di poco alle spalle del Pdl (17,2) e nettamente sotto il Pd (27,5).

Per quel che riguarda invece le elezioni siciliane, secondo Datamonitor, la lista dei grillini sarebbe la quarta forza con l’8,5 per cento, alle spalle di Pd (18,5), Pdl (18), Udc e PdS-Mpa (entrambi al 9 per cento). Stessa posizione, la quarta, occupata dal candidato del M5S, Giancarlo Cancelleri, per Datamonitor raggiungerebbe  il 7,5 per cento di consensi.

                        Luca Mangogna

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

7 commenti

  1. Sono ammirato dall’entusiasmo che esprime nel suo ragionamento il Signor Mario, come Lui moltissimi dei giovani che seguono Grillo hanno questa rappresentazione cosi limpida, trasparente alquanto ingenua. La paura che mi sovviene e’ che alcuni volponi, con la coda lunga, approfittano di queste anime candide strumentalizzandole ai loro fini. Forse perché sono un “giovane vecchio” e diffido tanto delle novità che possono rappresentare il vuoto piu assoluto. La maggioranza della povera gente non ha gli strumenti che tutti vorremmo che avessero, altro che preoccuparsi di informarsi sulla “rete”,la loro preoccupazione primaria e’ quella di mettere la pentola e sfamare la propria famiglia, l’unica rete che conoscono, forse e’ quella della pesca. Un’altro conto e’ parlare con la pancia piena.
    Veda, la differenza sostanziale fra me e Lei, non e’ nella sostanza delle cose che analizziamo e che vorremmo che cambiassero, sta nelle modalità di intervento. Grillo, lancia in cresta, senza guardare nessuno vorrebbe distruggere tutto, anche quello che c’è di buono (poco) per cui abbattere tutto il sistema, mentre io credo al sistema, riconosco la Costituzione,anche se qualche cosina andrebbe aggiornata, ma dato che la rappresentanza e’ fatta di uomini, con nome e cognome, ecco e’ a questi che bisogna chiedere il conto. Per cui all’interno dei vari organismi riuscire ad affermare le proprie posizioni, non si puo lasciare campo libero a dei farabutti che dopo un po’ di tempo si sentono padroni del pastificio. Non sono del PD ma apprezzo molto quello che sta facendo Renzi al proprio interno, cercando di smantellare una classe dirigente obsoleta e per certi versi ancora “comunista”. Vedo che Lei e’ una persona culturalmente preparata, ricorderà che nella antica Roma il governo veniva espresso con una dittatura, finito il mandato il dittatore di turno tornava a svolgere il suo mestiere. Cosa voglio dire che il coinvolgimento del Popolo e’ indispensabile in Democrazia ma nella gestione di governo NON puo diventare una casa di tolleranza cioè un ” casino” mi perdonerà questa citazione ma e’ per rendere meglio il concetto.
    Comunque auguro ogni bene a tutti Voi e che la Divina Provvidenza possa portare pace sviluppo e occupazione alla Nostra Terra che ne ha assoluto bisogno.

  2. E se non credi alla sovranità del popolo e al progetto del 5 stelle, leggi qua, che le televisioni hanno censurato per quasi 5 anni:

    http://www.byoblu.com/post/2011/12/02/Alla-fine-ha-vinto-lIslanda.aspx

    “Perchè il sale dell’informazione è il dibattito, il confronto tra posizioni diverse, anche estreme. Non la censura e la querela come arma di intimidazione. E tutto questo accadeva mentre noi perdevamo tempo con il DDL Intercettazioni, immersi nel medioevo della comunicazione. Sarà per questo che la nuova Costituzione islandese, appena riscritta, è stata partorita proprio sulla Rete, in maniera condivisa? Qui da noi è fantascienza. Ma certo, noi siamo italiani, siamo un popolo di navigatori, di inventori, di allenatori, mica siamo pescatori di balene, noi.

    Hanno vinto!! Pensa che potremmo fare noi coi referendum e la Rete.

  3. Evidentemente non cogli il punto. NON GOVERNA NESSUNO! GOVERNA IL POPOLO! Non ci sono alleanze, ci sono REFERENDUM, non ci sono leggi parlamentari, ci sono leggi votate dai cittadini. Ora io non voglio sbagliare a parlare, puoi benissimo muovere il mouse in qualsiasi blog del 5 stelle e vedere tu stesso. Puoi cercare qualsiasi video.
    Ma infatti. in ogni caso, è proprio quello l’obbiettivo. Politica attiva. A Parma, a cui sono state mosse critiche fortissime noncuranti del fatto che sono partiti con un miliardo di debito, Pizzarotti e la sua giunta gira per i quartieri a raccogliere proposte in maniera periodica e cerca di attuarle con l’impegno di tutti.
    Questo non è un cambiamento politico! Non è politico! E’ un cambiamento alla base del sistema. Laddove in Spagna, Ungheria e Grecia si affermano tendenze nazifasciste (cerca nel web i giornali inglese o italiani indipendenti, xkè la tv non ti dice nulla al riguardo), qua qualcuno si fa carico di cambiare alla base. Il potere è del popolo, devono capirlo questo.
    Ora il motivo per cui le “pre esistenti forze in campo” non possono stare più qua è facile.
    -Hanno deluso, vogliamo l’alternativa
    -Vogliamo voce in capitolo, questo avviene solo cambiando il sistema, questi partiti non cambiano alcun sistema.
    Conclusione: vanno via tutti!
    Diamo una chance a questi ragazzi che sanno benissimo come va il mondo, togliamo i vecchi, togliamo i bocconiani, togliamo PDL e PD, servi di Berlusconi e dei banchieri.
    Prendiamo gente DAL popolo che apra le porte AL popolo. Tra 5 anni vedremo che succede.
    Umilmente loro dicono che non lo sanno (lo vedi nei comizi), xkè è la gente che dice e fa programmi, non loro. Allora meglio chi non sa ancora (nessuno prevede il futuro, nemmeno i bocconiani che fino ad un anno fa dicevano che tutto era ok), ma crea idee progetti e li attua….piuttosto che “le forze preesistenti” che parlano da un quarantennio e non hanno mai fatto nulla. Il cambiamento viene dal basso, non dai partiti che ormai stanno nelle roccaforti.

  4. Gentilissimo Mario, non vi e’ alcun dubbio sulla buona fede dei ragazzi che seguono il “verbo” di Grillo. Avrei, pero’, preferito che tutti i nostri conterranei, giustamente incazzati, anziché accorgersi solo oggi che la situazione politica presenta un bilancio pressoché drammatico e con una rappresentanza sempre piu squallida, avrebbe fatto meglio ad impegnarsi all’interno delle forze sane, comunque presenti nella società civile. Ammettiamo, come sembra, che il Movimento 5 stelle avrà un buon successo elettorale, credo comunque che non avrà una maggioranza tale da potere governare e allora?. Non c’è stata una presa di posizione in tutti gli interventi di Grillo nella quale esprimesse cosa farne di una eventualità del genere. Crede che si coalizzerà con qualc’uno per governare?. Dall’alto delle sue valutazioni non si vorrà sporcare con nessuno. Allora ho torto nell’affermare che andremo incontro ad una Legislatura pasticciata. Proprio quello di cui non abbiamo bisogno. Secondo me, le eccellenze che abbiamo si potevano affermare, cosi come dici Tu, anche senza il portavoce Grillo il quale riporta un notevole richiamo dei media, altro che se sono silenti nei suoi confronti. Tutti i giornali, le televisioni parlano di questo “fenomeno” e sulle sue performance sportive. Auguriamoci che lo scuotimento che, comunque in modo positivio, Grillo ha fatto a tutti Noi, stimoli ad una partecipazione politica piu attiva nell’interesse del Popolo Siciliano.

  5. Solo che ancora non riuscite a comprendere che nessuno guiderà un bel niente. Se il 5 stelle sale sarete chiamati voi alla guida di voi stessi. La democrazia è diretta.
    allora siccome è un’alternativa molto valida (consultate blog e comizi), preferisco che il popolo si freghi con le sue mani piuttosto che stare a guardare i soliti partiti contendersi il bottino.
    Sarà il popolo a determinare la vittoria o il fallimento. Mai più Berlusconi e simili.
    Ad Antonino dico…..forse è proprio col 5 stelle che stanno salendo le eccellenze? Controlla i curriculum dei candidati trasparentemente esposte sul blog.Inoltre, non c’è nessun messia e nessun leader. Vi sbagliate tutti qua. Grillo lo ha detto, non c’è nessuno. Ci siamo solo noi cittadini. Ha più volt ammesso con genuina umiltà che lui raccoglie solo gente, il 5 stelle è stato fatto non da lui ma da milioni di italiani che, convergendo nei blog, hanno stilato il programma. Lo puoi fare anche tu, domani stesso, non appena iscritto.
    Infine, Grillo rifiuta il confronto con gli altri partiti per un semplice fatto….Grillo è fuori dal sistema ed è l’elemento disturbatore dell’oligarchia (xkè è una oligarchia) dell’Italia. S’è visto quando Napolitano, che dovrebbe essere super partes, s’è permesso di schierarsi contro il movimento divenuto già partito. Napolitano doveva andare a casa quel giorno stess. Schierarsi, per il Pres. della Repubblica, è anticostituzionale. Ma il confronto c’è eccome, coi cittadini. Se vi foste resi partecipi e vi foste informati coi canali del web, svincolati dai partiti che donano alle televisioni miliardi di euro (risultando in una dittatura mediatica), avreste scoperto che basta fare una proposta sul blog….e magari domani i vostri punti erano già scritti sul programma.
    demagogia, “messia”, dittatura dei grillini? Non scordiamoci che Grillo di battaglie ne ha fatte tante, tutte basate su REFERENDUM (mai sue personali, ma del popolo). Indovinate cosa se ne è fatto il governo dei referendum? Ora è sceso in campo coi cittadini e i migliori premi nobel e ha l’attenzione del mondo. Qui c’è qualcosa che non va…forse che sta veramente avendo successo e sta scuotendo i vecchi politci? Fate la scelta giusta, che deriva solo da un’informazione completa, attiva e viva. Spegnete le TV prima di tutto, che gira più corruzione là che in parlamento.

  6. Antonino Segreto Sfido chiunque a cimentarsi in un contesto politico che rappresenta solamente dei “mangiafranca”, compreso uno dei miei nipotini di 4 anni, ad analizzare la situazione in cui versa la Nostra Regione, facendo risaltare tutte le manchevolezze in modo anche brillante, addirittura facendo sganasciare dalle risate. Il prosoletismo di massa che oggi si riscontra e’ molto facile e sicuramente riceverà un successo elettorale. Il problema e’ che domani il buon Grillo terminerà la sua vacanza in Sicilia. Lui ha fatto il suo show e Noi sconteremo un’altra legislatura fatta di improvvisati e inesperti. Abbiamo registrato gia un grande fallimento con il Berlusconi per il quale il PopoloSiciliano si aspettava i”miracoli” abbiamo visto che anche con tutta la sua potenza finanziaria che fine a fatto. I gabellieri che Berlusconi ha investito di rappresentanza in Sicilia, partendo da Micciche e compagni, oltre ad averlo tradito hanno tradito sopratutto le aspettative dei Siciliani. Ricordate il pieno dei voti che hanno riportato, sia sul piano Regionale che quello Nazionale, potevano addirittura porre una “dittatura” buona, senza infingimenti e condizionamenti di nessun tipo avrebbero potuto governare la Nostra Sicilia esclusivamente per il suo sviluppo, investendo le notevole risorse provenienti dall’Europa ed altri finanziamenti leciti. Invece il fallimento assoluto. Pertanto non vorrei ricadere, con tutto questo entusiasmo per il sig. Grillo, il quale rifiuta ogni confronto perché si ritiene una divinità, al di sopra di tutto e di tutti, vaffa culo Grillo per usura una sua espressione, nella stessa condizione prima esposta. Dicevo, in un’altro commento, che in Sicilia NON abbiamo bisogno di altri falsi “messia” abbiamo solo bisogno di trovare Persone Oneste e competenti e in Sicilia abbiamo eccellenze infinite, basta cercarle. Infine, anche se il cuore consiglia di NON andare a votare e a ragione per tutte le motivazioni oggettive che riscontriamo, dall’altro la ragione ci obbliga a recarci al seggio elettorale, proprio per fare aumentare il quorum e impedendo, per quanto possibile, ai malfattori di vincere che sono quelli che vogliamo cacciare. BUON VOTO A TUTTI.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.