Economia & Lavoro

Siracusa, Galioto:”Per stipendi dei forestali chiesto intervento a Prefetto”

Foto internet

“Abbiamo ricevuto rassicurazioni dal Prefetto Gradone che si unirà a noi nel farsi portavoce presso il Governo Regionale del forte disagio dei lavoratori forestali, senza stipendio da agosto, e nel sollecitare un intervento urgente che ponga fine ad una situazione inaccettabile che si protrae ormai da troppo tempo”.

Lo dichiara il segretario provinciale dell’Ugl Siracusa, Antonio Galioto, al termine del sit-in di protesta che si è tenuto stamattina dinanzi alla Prefettura e che ha visto la partecipazione di numerosissimi lavoratori del comparto.

“Il ritardo nei pagamenti – spiega il sindacalista – interessa sia il settore Antincendio che quello della Manutenzione e, a quanto ci risulta, non dipende dalla mancanza di risorse finanziarie, ma è una diretta conseguenza di una nuova procedura voluta dal Governo Regionale, che ha accentrato tutte le operazioni, prima svolte a livello provinciale, presso l’Ufficio tesoreria di Palermo, incapace ora di poter far fronte da solo alle innumerevoli richieste provenienti da tutti i territori”.

“Il nostro timore – aggiunge Galioto – è che se non si interverrà subito per corrispondere ai lavoratori quanto spetta loro di diritto, bisognerà poi attendere ancora molti mesi per le retribuzioni arretrate, perché nei primi giorni di dicembre le casse regionali saranno chiuse e si dovrà quindi attendere la riprogrammazione delle somme non spese del nuovo esercizio, che non è mai stato pronto prima del mese di aprile”.
“Ci uniamo quindi – conclude il sindacalista – alla richiesta dell’on.le Vincenzo Vinciullo, vice presidente della Commissione Bilancio dell’Ars, che ha già presentato un emendamento per l’abrogazione del comma 9 articolo 25 della legge finanziaria regionale L.9/2013, affinché le attuali procedure di pagamento siano annullate e riportate all’organizzazione precedente, più funzionale ed efficiente”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.