CronacaPrimo Piano

Sindaci più amati d’Italia, Orlando al secondo posto seguito da Zambuto

Leoluca Orlando. Foto Archivio

Pubblicata la classifica dei sindaci più amati dalla popolazione e sul podio troviamo due sindaci siciliani: Leoluca Orlando, primo cittadino di Palermo, in seconda posizione, seguito immediatamente dopo da Marco Zambuto, sindaco di Agrigento.

La graduatoria stilata dal Governance Poll 2012, che come ogni anno ha misurato per il Sole 24 Ore il grado di consenso mantenuto dai sindaci nel corso del governo della propria città,  premia Orlando con un gradimento del 71%.

“Credo che tutti i Sindaci d’Italia, siano o no dentro una qualsiasi classifica, meritino oggi gli auguri di buon lavoro e i complimenti per il lavoro che fanno nelle proprie comunità, quali primi e più esposti rappresentanti dello Stato e delle Istituzioni, in un momento di grande crisi e difficoltà” – ha dichiarato il sindaco del capoluogo siciliano. “Le Amministrazioni comunali sono oggi il baluardo di una presenza istituzionale a fianco dei e per i cittadini, mentre scellerate politiche antisociali a livello nazionale scaricano proprio sugli enti locali e sulle fasce sociali più deboli i costi della crisi.”

Il primo posto è stato conquistato da Vincenzo De Luca, sindaco di Salermo, mentre al gradino più basso della classifica il sindaco di Foggia, Giovan Battista Mongelli. Tra le ultime posizioni troviamo altre tre città siciliane: il primo cittadino di Caltanisseta, Michele Campisi; di Catania, Raffaele stancanelli, e al penultimo posto il sindaco di Messina, Giuseppe Buzzanca.

Il Sole 24 Ore sottolinea che 8 dei 9 sindaci più amati d’Italia sono usciti dalle amministrative della primavera 2012 confermando una regola chiara: a contendersi i gradini alti della classifica sono quasi sempre i sindaci usciti vittoriosi dalle recenti competizioni elettorali.

Il passaggio nelle urne gonfia anche il consenso di chi si è presentato al voto dopo un primo mandato, come mostra il caso Zambuto. Il sindaco di Agrigento, che aveva chiuso il 2011 con un opaco 49%, sale oggi sul terzo scalino del podio nazionale con un rotondo 70%, molto vicino al consenso del 74,7% ottenuto alle urne lo scorso maggio. Ma in merito Marco Zambuto precisa: “Non credo che si possa parlare di consenso gonfiato proprio perché la mia elezione è stata una riconferma del primo mandato. Il terzo posto in classifica mi da tante soddisfazioni a fronte di tante amarezze e difficoltà che ruolo impone. E’ il risultato di una presenza costante tra i cittadini – conclude il sindaco agrigentino – e continuerò con perseveranza il mio impegno”.

Complessivamente la classifica denuncia, però, una crescente freddezza degli elettori nei confronti dei propri sindaci. La scia di anti-politica e il dilagante calo di credibilità dei rappresentanti saranno un dato determinante per le prossime le amministrative 2013.

Valentina D’Anna

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.