Primo Piano

Sindacato F.S.I: dipendenti pubblici, illegittima la trattenuta sul TFR

TFR. Foto Internet

“I lavoratori pubblici hanno diritto alla restituzione del 2,5% dello stipendio trattenuto dagli enti di cui sono dipendenti – dichiara Calogero Coniglio, delegato regionale della F.S.I. Federazione Sindacati Indipendenti, organizzazione sindacale rappresentativa firmataria del CCNL – il sindacato si farà carico delle spese legali dei propri iscritti per ottenere giustizia”.

La Corte Costituzionale ha, infatti, dichiarato – con la sentenza n 223/2012 – illegittima la trattenuta a titolo di rivalsa del 2,50% del TFR operata nelle buste paga dei lavoratori del settore pubblico dall’1 gennaio 2011 a oggi.

Il contenzioso risale al passaggio dal TFS al TFR per i trattamenti di fine servizio o rapporto dei dipendenti pubblici. Col passaggio al TFR (sistema di calcolo dei lavoratori del settore privato), i dipendenti pubblici avevano diritto a essere equiparati a quelli del settore privato, ossia non pagare alcuna quota a loro carico. E, invece gli enti hanno continuato ad addebitare in busta paga un 2,5%, che risale al vecchio sistema di calcolo del trattamento di fine servizio, il TFS.

Comunicato Stampa

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.