Primo Piano

Sinalp Sicilia ed AVO: la Disabilità non deve essere un limite ad una corretta integrazione sociale

Il Sinalp Sicilia convocato in V Commissione Lavoro del Parlamento Siciliano per il diritto al lavoro degli Assistenti all'igiene personale degli alunni disabili

Delegazione Sinalp ed AVO in V Commissione Parlamentare

(di redazione) Il Sinalp Sicilia, assieme all’Associazione Volontari Ospedalieri AVO Sicilia ed alla Uil Temp, ha chiesto di poter essere ascoltato dalla V Commissione Parlamentare dell’Assemblea Regionale Siciliana sulla problematica, che si è nel tempo incancrenita, dei lavoratori che svolgono il ruolo di Assistenti all’Igiene Personale degli Alunni Disabili.

In tale comparto, negli anni, si è assistito ad un crescendo di licenziamenti degli operatori interessati anche se purtroppo gli alunni in condizione di disabilità sono sempre di più.

La delegazione Sinalp rappresentata dal Segretario Regionale Dr. Andrea Monteleone, dal delegato sindacale Rosario Tavolacci e dall’Avv. Stefania Virga dell’ufficio legale del sindacato hanno illustrato agli Onorevoli componenti della Commissione ed al rappresentante dell’Assessorato alla Famiglia Dr. Guglielmo Reale che il sistema dell’accredito e dell’uso dei Voucher per fornire il servizio di assistenza all’igiene personale dei ragazzi disabili, anche se in via teorica potrebbe essere un valido strumento, nella realtà si è dimostrato totalmente inadatto nel fornire il servizio e nel garantire il diritto al lavoro degli operatori del settore.

Insistere con questo sistema nei fatti genera una ricerca del disabile da parte delle coop accreditate presso l’ente locale che gestisce il servizio, e dei lavoratori, che non ha nulla di logico, di rispetto del diritto al lavoro e di rispetto della libertà di scelta delle famiglie interessate.

Il Sinalp, dichiara il Dr. Andrea Monteleone, chiede che il Governo Regionale si attivi affinché si istituisca un albo provinciale degli operatori del settore che tenga conto dell’anzianità di servizio svolto e quindi della professionalità acquisita nel tempo oltre ai titoli professionali necessari.

Evitando in questo modo la guerra tra poveri che nei fatti rischia di scatenarsi. Inoltre invita l’Assessorato ad una gestione più organica dei fondi destinati al servizio affinché i lavoratori non si sentano dire che per l’insufficienza dei finanziamenti il servizio non potrà essere reso per intero.

Altra problematica è anche la tempistica di erogazione dei fondi che avviene purtroppo sempre mesi dopo l’inizio della scuola.

A questo proposito la Presidente dell’AVO Sicilia, Sig.ra Cetty Moscatt, dichiara che è un’offesa alle famiglie ed ai loro figli disabili non erogare il servizio in corrispondenza con l’inizio della scuola. Dare il via al servizio mesi dopo, nei fatti è togliere il diritto all’inclusione sociale di cittadini con disabilità

L’Avv. Stefania Virga del Sinalp ha evidenziato che continuare a gestire il servizio attraverso l’accredito delle coop. interessate e con l’uso dei voucher da parte delle famiglie ha già causato la perdita del lavoro di padri di famiglia con 15/20 anni di anzianità nel settore.

Il delegato sindacale Rosario Tavolacci ha voluto evidenziare anche il maldestro tentativo di far svolgere il servizio al personale ATA della scuola al posto degli operatori specializzati, che nei fatti ha causato ulteriore disagio ai ragazzi disabili ed ai lavoratori visto che tale personale non è formato e quindi inidoneo a svolgere tale compito.

Alle dichiarazioni espresse dal Sinalp e dall’Ass. AVO Sicilia i Deputati, componenti della Commissione, hanno preso atto delle reali dinamiche del comparto. L’On. Bulla dà conferma di quanto evidenziato dalle OO.SS. presenti e dall’Ass. AVO Sicilia ed auspica che si possa dare vita all’albo degli operatori del settore, mentre l’On. Schillaci dichiara di voler approfondire la gestione del servizio attraverso il personale ATA e condivide l’esigenza di una tempestiva regolamentazione del comparto a difesa dei lavoratori, dei disabili e delle loro famiglie affinché diventi un volano per una reale integrazione. L’On. Pullara invece si poneva il problema di coniugare la libertà di scelta delle famiglie con la creazione di un albo del settore.

Il Sinalp assieme ad AVO ed altre forze sindacali interessate al comparto, manterrà alta l’attenzione sullo sviluppo di nuove soluzioni più vicine alle esigenze di tutti i componenti interessati affinché si riesca nel più breve tempo possibile a chiudere tale contenzioso, ed a tal proposito invita tutti i lavoratori del comparto presenti in Sicilia a contattare la sede regionale di via Serpotta n. 53 Palermo tel. 091333195 per dare maggiore incisività all’azione sindacale intrapresa.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.