Scuola & Università

Sicurezza alimentare: le patatine surgelate provocano il cancro?

Foto di Daniele Muscetta (http://www.flickr.com/photos/dani3l3/)

L’allarme è lanciato dalle pagine della rivista scientifica americana “Journal of Agricultural and Food Chemistry”: le patatine fritte surgelate potrebbero causare l’insorgenza di tumori.

Lo studio, realizzato da un team guidato da Donald Mottram del Dipartimento di Scienze Alimentari e Nutrizionali dell’Università di Reading in Inghilterra, ha evidenziato che i processi di realizzazione del prodotto (sbiancamento, trattamento con glucosio e frittura parziale) unitamente alla cottura finale provocano l’aumento dell’acrilammide, una sostanza che presente in elevate quantità risulterebbe cancerogena.

La quantità presente nella patatine oscillerebbe tra i 3500 e i 12000 microgrammi mentre i valori accettabili della sostanza variano tra i 5 e i 3500. Questi processi consentono di conservare meglio il prodotto, donando il colore, il sapore e la croccantezza che i consumatori conoscono e che si aspettano di trovare.

La Fao tuttavia invoca cautela sull’argomento spiegandone le motivazioni: “Gli effetti tossici dell’acrilammide sono ben conosciuti. Questa sostanza può danneggiare il Dna e, ad alte dosi, ha effetti sul sistema neurologico e su quello riproduttivo. La prolungata esposizione ha effettivamente causato il cancro in topi di laboratorio ma non è mai stato dimostrato in maniera convincente che lo provochi anche nell’uomo”.

A questo appello fa eco il parere del dottor Manfred Lützow, esperto di chimica degli alimenti: “Non è un rischio nuovo. La contaminazione da acrilammide è probabilmente presente da quando gli uomini hanno cominciato a friggere o a tostare i cibi. Sfortunatamente, le informazioni attualmente disponibili non ci consentono di arrivare a conclusioni definitive o rivolgere nuove raccomandazioni a consumatori e produttori”.

Il consiglio lanciato da tutti gli esperti in questi casi rimane immutato: seguire una dieta bilanciata e diversificata, conservando le proprietà nutritive degli alimenti.

Marco Cirincione

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.