PoliticaPrimo Piano

Sicilia, Venturino rinuncia all’indennità e all’auto blu

Antonio Venturino (foto internet)

Il Movimento 5 Stelle in Sicilia continua a fare clamore. Dopo la traversata a nuoto di Beppe Grillo e la consegna all’Ars del mega assegno a simbolo della rinuncia ai rimborsi elettorali, adesso i proiettori sono puntati verso la vicepresidenza dell’Assemblea Regionale.

Antonio Venturino ha stamane rinunciato alla indennità di vicepresidente di 3.244,22 euro mensili. L’atto formale consegnato al Dirigente dell’Ufficio di Ragioneria dell’Ars con decorrenza immediata, costituisce la risposta a quanto più volte ribadito in campagna elettorale mantenendo fede all’accordo con i cittadini, di rinunciare a privilegi che non sono necessari allo svolgimento della carica.

Alla seduta inaugurale dell’Ars avevano scatenato qualche polemica le dichiarazioni del Movimento che acclamava a gran voce il proprio diritto alla presidenza, essendo il partito più votato in Sicilia. Ma oggi interviene sulla questione delle cariche politiche precisando che se da un lato l’elezione di Venturino costituisce “l’ingresso dalla porta principale del Movimento 5 Stelle all’Ars”, come dichiarato dal Capogruppo Giancarlo Cancelleri, dall’altro rompe un meccanismo assodato negli anni di guadagnare troppo per l’espletamento della carica rappresentativa.

Antonio Venturino già nella precedente conferenza stampa in occasione della sua elezione alla Vicepresidenza, aveva rinunciato di fatto all‘auto blu che gli spetterebbe. “Stamattina ho confermato agli uffici della Ragioneria generale le mie intenzioni, rinunciando formalmente all’indennizzo di carica e all’auto blu. Di grosse berline nei parcheggi della Regione Sicilia ce ne stanno parecchie, io non la voglio. Arriverò a Palermo dalla mia città, Piazza Armerina, in autobus e sto pure affittando un appartamentino nelle adiacenze dell’Ars. Per gli spostamenti di rappresentanza vedrò di organizzarmi”.

Considerate le notizie degli ultimi giorni, avallate anche da servizi televisivi che non mettono in buona luce la nostra regione, sappiamo bene che non saranno questi gesti a risolvere i problemi della Sicilia. Ma azioni come quella di Venturino offrono alla cittadinanza un segnale di rottura con il passato che fa ben sperare per il necessario cambiamento.

Valentina D’Anna

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Un Commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.