Primo Piano

Sicilia: Trizzino (M5S), disarmati contro gli incendi, in finanziaria neanche un euro

(di redazione) PALERMO, 4 APRILE 2018 – 25 mila ettari di vegetazione boschiva e macchia mediterranea andati in fumo nel 2017 in Sicilia su 72 mila ettari bruciati in Italia nell’anno appena trascorso. Un terzo delle aree devastate dei roghi su scala nazionale si trova in Sicilia.

E’ il bilancio negativo di un’annata orribile, che ricorderemo per aver devastato la scorsa estate riserve naturali, aziende agricole, provocato la morte di specie animali e un danno d’immagine significativo alla nostra Regione.

Per evitare il bis avevamo chiesto un’incontro in commissione Ambiente per capire quali soluzioni e quante somme fossero previste per le attività di prevenzione e antincendio. Ebbene oggi abbiamo un quadro chiaro: il Governo regionale non ha stanziato nemmeno un euro per la convenzionale con i Vigili del Fuoco”.

Lo rendono noto i deputati regionali del M5S e componenti della commissione Ambiente e Territorio dell’Ars Giampiero Trizzino, Stefania Campo, Valentina Palmeri e Nuccio Di Paola, al termine dell’audizione a palazzo dei Normanni con il dirigente generale del Dipartimento regionale della Protezione civile Calogero Foti, del dirigente generale del comando Corpo Forestale Filippo Principato, del direttore regionale dei Vigili del fuoco Marco Craviani e del segretario regionale del sindacato autonomo vigili del fuoco Giuseppe Musarra, con all’ordine del giorno la sottoscrizione della convenzione tra la Regione siciliana e i Vigili del Fuoco, per la fornitura di uomini e mezzi da adibire ad attività di prevenzione e spegnimento degli incendi. 


E’ incredibile – dice Trizzino – che si parli di incendi solo quando scoppia l’emergenza. La prevenzione si fa con azioni concrete non nel salotto di Giletti come ci ha abituati Crocetta, che comunque aveva destinato un milione e mezzo di euro lo scorso anno in finanziaria”.

“La Protezione civile aveva chiesto 2 milioni di euro, ma il governo Musumeci – aggiunge –  ha ignorato la richiesta. E’ semplicemente assurdo, quando  le attività di prevenzione antincendio sono necessarie per arrivare ridurre il rischio di roghi. A tre mesi dall’inizio della stagione estiva, ci ritroviamo con una Regione maglia nera per incendi come dimostrano i dati del 2017 e che non  ha previsto nemmeno un euro in finanziaria“. “Presenterò – conclude – un emendamento per finanziare la Convenzione con i Vigili del Fuoco, anche perché il danno ambientale, economico e d’immagine che potrebbe essere causato dagli incendi ai siciliani è di certo superiore alle risorse necessarie ad assicurare un servizio essenziale come questo”.

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.