Economia & Lavoro

Sicilia, suicidio operaio e crisi edilizia, Cisl: “Si intervenga subito”

“Nell’ultimo anno sono andati persi 1023 posti di lavoro nel settore dell’edilizia del trapanese, cantieri chiusi, bloccati, una situazione di gravissima emergenza, invitiamo tutte le amministrazioni locali ad utilizzare subito le possibili risorse disponibili per mettere in moto l’economa soprattutto il settore dell’edilizia, questi episodi sono il segnale di un vero e proprio allarme sociale, al quale va posto subito rimedio”.

Così Mimmo Milazzo Segretario Cisl Palermo Trapani e Dino Cirivello Segretario Filca Cisl Palermo Trapani, commentano la notizia del suicidio del muratore disoccupato avvenuto a Castelvetrano , nel trapanese. “Le istituzioni locali devono fare presto e mettere in campo subito interventi straordinari nei quartieri periferici del territorio che consentano l’avvio di cantieri e una boccata di ossigeno per il settore edile, avviare le opere per le medie e e piccole infrastrutture, programmare una serie di progetti per la messa in sicurezza delle scuole”.

Ma la disoccupazione nel territorio di Trapani e provincia, tocca punte preoccupanti nel complesso, nel 2011 è stata attorno al 13% ancor più alta nel 2012, solo al 42% il tasso di occupazione, la cassa integrazione ha raggiunto quote preoccupanti nel 2012 ben oltre 664 mila fra straordinaria e in deroga, e uno dei settori principali che soffre di più è proprio l’edilizia, dove in due anni si è registrato un calo occupazionale del 40% e un calo delle gare espletate del 58%.

Milazzo e Cirivello, concludono: “Abbiamo già chiesto la convocazione al Prefetto di Trapani di un tavolo urgente in cui affrontare le problematiche della grave situazione occupazionale del territorio, anche in riferimento agli ultimi gravi episodi. Bisogna fare presto”.

“L’emergenza sociale esplode ormai nella disperazione”. La Cisl Sicilia si rivolge con parole di solidarietà e conforto alle famiglie di coloro che si tolgono la vita per mancanza di lavoro (“una tragedia immane, gli siamo vicini”) e, con riferimento all’operaio edile di Castelvetrano che, disoccupato, stamani si è suicidato (“il secondo in un mese” fanno notare al sindacato), sottolinea, con Maurizio Bernava, segretario generale, che “la moltitudine di disoccupati e famiglie disperate ha bisogno di gesti concreti, di fiducia e responsabilità”.

“Non esistono bacchette magiche che diano per incanto sviluppo e lavoro – osserva Bernava – ma chi ha ruoli di governo e responsabilità sociale metta al centro del proprio impegno, non solo dei comizi e delle conferenze stampa, l’economia e il lavoro produttivo. Destini a questo tutte le risorse”.

Per il segretario Cisl, proprio nell’edilizia, dove si registrano i drammi umani e sociali più alti, questo si può fare “con immediatezza e semplicità”. “Basta politici che discutono di crisi e di effetti della crisi. Serve – insiste – sbloccare le risorse e far ripartire l’economia”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.