CronacaPrimo Piano

Sicilia, strage migranti a Lampedusa: oltre 80 morti e 250 dispersi

Foto internet

Un barcone di migranti è naufragato a Lampedusa, a circa mezzo miglio dell’Isola dei Conigli. La Guardia costiera ha finora recuperato 82 cadaveri, tra i quali quello di una donna incinta e di due bambini. Altri cadaveri sono già stati avvistati in mare. Salvati invece dalle motovedette e da alcune barche di diporto che stanno partecipando ai soccorsi 151 naufraghi.

Centinaia di persone sono disperse, tra le quali una trentina di bambini e tre donne incinte. Il barcone, su cui viaggiavano circa 500 persone, si è rovesciato a poca distanza dalla riva e ha preso fuoco. L’allarme è stato dato dall’equipaggio di due pescherecci che transitavano nella zona.

Per ora i corpi sono stati condotti sulla banchina del porto. Poi i cadaveri saranno trasferiti nell’hangar dell’aeroporto.

“Di fronte a una nuova e purtroppo ennesima tragedia dell’immigrazione basta con la politica dello struzzo. L’Unione europea e lo Stato italiano devono farsi carico delle loro responsabilità perché la Sicilia e Lampedusa, non possono essere lasciate sole al proprio destino”. Lo afferma il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, commentando il drammatico sbarco avvenuto oggi a Lampedusa costato la vita a decine di migranti.

“Dopo le morti di Catania e di Scicli non si può più fare finta di nulla – aggiunge Ardizzone – serve corresponsabilità da parte di tutti”.

A.D.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.