Economia & LavoroPrimo Piano

Sicilia, sportelli per il microcredito contro la crisi

Microcredito. Foto Internet

In un periodo di preoccupante recessione economica, in cui i giovani disoccupati sono oltre il 30% del totale, dove le piccole e medie aziende faticano a sopravvivere, è possibile fare impresa e sostenerla in maniera adeguata? Secondo l’Ente Nazionale per il Microcredito (Enm) sì, attuando gli strumenti idonei a fronteggiare la crisi che pervade il nostro paese e gli stati dell’Eurozona.

Il seminario “Rete di sportelli informativi per il microcredito in Sicilia: l’autoimpiego per combattere la crisi”, tenutosi a Palermo, ha individuato nelle forme di microsostegno, nell’investimento in nuove tecnologie, nelle innovazioni per favorire lo start-up aziendale, le chiavi di volta che permettano al sistema imprenditoriale siciliano di uscire dal pantano della stagnazione (se non della perdita costante) e dare nuovo vigore al settore attraverso nuove idee, l’apporto dei giovani, una burocrazia meno farraginosa e che spinga all’innovazione.
All’incontro hanno partecipato e sottoscritto il progetto “Microcredito e servizi per il lavoro” la Camera di Commercio di Palermo, i comuni di Palermo, Catania, Termini Imerese, Borgetto e Ribera.

La rete permetterà di offrire risposte concrete ai giovani che desiderano intraprendere un’attività imprenditoriale, fornendo supporto e strumenti idonei come evidenziato da Massimo Rizzuto, assessore alle Politiche sociali e giovanili della Provincia di Palermo: “Puntare sul microcredito è un valore aggiunto. Verrà istituito un Fondo di Garanzia di 150 mila euro, autorizzato dalla Banca d’Italia, che garantirà prestiti per 300 mila euro. Valorizzare – prosegue – la piccola impresa e agevolare l’inserimento dei giovani, questo è uno degli obiettivi della Provincia di Palermo”.

Microcredito che ancora oggi viene snobbato a favore di una difficilissima ricerca di credito bancario: “C’è una scarsa propensione delle banche – dichiara Steni Di Piazza di Banca Etica – a concedere prestiti oggi se non garantiti da un’adeguata copertura economica. Bisogna constatare come il microcredito non sia ancora considerato come uno strumento che aiuti a sviluppare business”.

Marco Cirincione

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.