PoliticaPrimo Piano

Sicilia, sindacati a Crocetta: “Risposte a emergenza Regione”

Foto internet

“Prendiamo atto dell’idea del Presidente della Regione di un patto per lo sviluppo e l’occupazione, ma prima occorre trovare le soluzioni ai problemi sul tappeto causati dai tagli alla legge di stabilità regionale”. Lo dicono in una nota congiunta i segretari generali di Cgil Cisl e Uil Sicilia, Michele Pagliaro, Maurizio Bernava e Claudio Barone, che oggi hanno scritto al presidente della Regione per chiedere un incontro.

I sindacati, nella lettera, chiedono di sapere quali soluzioni il governo intende adottare data la situazione, quali priorità individua, come intende reperire le risorse che mancano e con quali tempi pensa di procedere.

“A fronte di soluzioni concrete in tempi certi, la disponibilità dei sindacati confederali al confronto – rilevano Pagliaro, Bernava e Barone – è massima anche per affrontare i temi delle riforme, del lavoro produttivo e dello sviluppo”.

ECCO IL TESTO DELLA LETTERA

Ill.mo Presidente,

le scriventi Organizzazioni sindacali Le chiedono un incontro urgente per conoscere come il Governo intenda procedere a seguito dell’impugnativa del Commissario dello Stato di parti consistenti della legge regionale di Stabilità che ha inciso, bloccandoli, su importanti capitoli della spesa pubblica regionale.

In particolare, Cgil, Cisl e Uil della Sicilia Le chiedono di sapere:

a) Come intende il Governo fare fronte a una minore disponibilità di risorse stimata in oltre 200 milioni;
b) Quali iniziative il Governo regionale pensa di intraprendere per sollecitare al Governo nazionale interventi straordinari a sostegno della Sicilia, in considerazione della situazione critica che si è determinata e della crisi economico-sociale;
c) Come intende garantire il diritto di tutti i lavoratori alla retribuzione, in tutti i suoi aspetti, e fare fronte ai vari capitoli di spesa;
d) Se il Governo ritiene che in questa fase possano esserci spazi per un’ulteriore qualificazione della spesa pubblica e per risparmi aggiuntivi da utilizzare per colmare il buco delle minori risorse a disposizione.

Come dimostrano le più recenti manifestazioni delle categorie più colpite dal venir meno delle risorse, c’è un disagio sociale che si somma a quello di una crisi economica che continua, con il crollo dei settori produttivi e sempre più famiglie che scivolano nella fascia della povertà.

Alle difficoltà determinate dall’impugnativa si aggiungono infatti quelle dei settori privati, che stentano a trovare sbocchi, anche a causa del crollo dei consumi.

In assenza di soluzioni eque, equilibrate e soprattutto tempestive, le scriventi OO.SS non intendono celare la propria preoccupazione circa il possibile esplodere del conflitto sociale.

Alla situazione per sommi capi richiamata, si aggiunge infatti il disagio delle migliaia di persone che hanno perso il lavoro e che sono in attesa di tutele sociali, a partire dagli ammortizzatori sociali in deroga. È cosa nota che il governo nazionale ha stanziato una quantità di risorse insufficienti a coprire il fabbisogno, soprattutto in assenza di un cofinanziamento regionale.

Su tutti questi argomenti, Le chiediamo dunque un confronto immediato per poter dare il nostro contributo all’individuazione delle problematiche sul tappeto e alla loro soluzione.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.