Scuola & Università

Sicilia, salute mentale: appello delle cooperative sociali a Crocetta e Borsellino

«Dopo 12 anni ho ripreso gli studi universitari: grazie alla comunità in cui risiedo ho ricominciato un percorso riabilitativo che mi ha permesso di tornare a vivere e sperare in un futuro». Simonetta ha 40 anni e un passato problematico che ha superato grazie all’affetto e al sostegno della casa famiglia catanese dove dorme, mangia e studia, seguendo un percorso terapeutico personalizzato. Anche lei ieri mattina era presente a Palazzo Esa (Catania) insieme a decine di utenti affetti da disturbo mentale, per raccontare l’esperienza vissuta all’interno delle strutture residenziali presenti sul territorio siciliano. «Dopo 35 anni passati da un reparto psichiatrico all’altro – continua Luigi – ho finalmente trovato la giusta dimensione in una comunità di Palermo, dove sono attorniato da persone che mi vogliono bene».

In Sicilia la riforma della salute mentale è stata avviata anche grazie alla nascita delle comunità alloggio gestite dalle cooperative sociali, operanti in regime di convenzione con i Comuni: strutture socio-assistenziali che hanno rappresentato un salto epocale nel trattamento del disagio psichico in ottemperanza alla legge regionale 22 dell’86, che ha umanizzato il trattamento ridando dignità ai pazienti e contribuendo al superamento del trattamento all’interno dei manicomi. Oggi queste stesse realtà rischiano di morire a causa della mancata integrazione nella rete socio-sanitaria della Regione Siciliana – tra l’altro già in vigore in tutte le regioni d’Italia – prevista inizialmente dall’art. 19 della finanziaria, cassato dal commissario dello Stato.

«I distretti socio-sanitari siciliani, che dovevano utilizzare i trasferimenti dei fondi nazionali per tutte le attività previste dalla legge 328 – ha spiegato il presidente del Coresam Francesco Lirosi – hanno sprecato l’opportunità di poter realizzare progetti e servizi non utilizzando le somme previste, ben 118 milioni di euro nell’ultimo triennio. Contestualmente assistiamo all’abbandono dei cittadini con disagio mentale, derivato dalla chiusura di comunità alloggio e case famiglie siciliane (250 in tutto, che oggi afferiscono unicamente all’assessorato regionale alla Famiglia), che oggi non riescono ad affrontare le spese, mettendo a rischio anche il lavoro degli oltre 2000 operatori. Il congelamento dell’art. 19 infatti creerà problemi anche e sopratutto ai comuni e agli enti locali che non avendo disponibilità economica, non riescono a garantire i servizi essenziali». Un appello al presidente Crocetta e all’assessore Borsellino, «per intervenire con forza – continua Francesco D’Amico, vicepresidente Coresam e dirigente nazionale Federsolidarietà Confcooperative – così come ci era stato assicurato nelle fasi interlocutorie avvenute a Palermo con i rappresentanti delle coop».

«Dopo l’emanazione del piano strategico del 2012 – ha sottolineato il presidente comitato zonale salute mentale Asp Catania Antonella D’Urso, in rappresentanza delle associazioni dei familiari – pensavamo ci fosse una riqualificazione del sistema per rendere più efficaci ed efficienti le pratiche per la salute mentale, individuando gli obiettivi prioritari e le conseguenti scelte di politica strategica. Ma tutto questo fin’ora è rimasto solo sulla carta e noi ci troviamo quotidianamente ad affrontare una situazione di disagio che toglie dignità agli utenti, agli operatori e alle famiglie». Il Coresam, coordinamento regionale Salute mentale, attende adesso risposte concrete e annuncia una protesta a Palermo nelle prossime settimane per denunciare lo stato di emergenza sociale in cui versano i 2500 pazienti coinvolti.

Erano presenti alla conferenza stampa: il vicepresidente regionale della Legacoop Giuseppe Giansiracusa in rappresentanza delle centrali cooperative, Salvo Bonaventura della Uil, il presidente delle associazioni degli utenti Maria Fisicaro, il segretario Coresam Dino Ficicchia. 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.