CronacaPrimo Piano

Sicilia, Rifiuti: presidiate le prefetture

Foto di Francesca Del Grosso

Stamane, in contemporanea, dinanzi le prefetture siciliane i sindacati  FpCgil, Fit Cisl e Uiltrasporti hanno presidiato le prefetture  dell’intera isola per accendere un riflettore sulla situazione degli operatori Ato, più di 12mila operatori in tutta la Sicilia , che sentono incombente sulle loro teste, giorno dopo giorno, la perdita del posto di lavoro.

A presidiare la Prefettura di Palermo pochi lavoratori, e ciò la dice lunga sul forte sconforto degli operatori di settore che attraverso i loro rappresentanti sindacali hanno cercato un’intermediazione attraverso il Prefetto con il Governo Regionale.

Una protesta al fine di  aprire un tavolo di discussione con l’amministrazione regionale  sul tema della fallimentare gestione dei 27 Ato rifiuti che hanno prodotto un buco di oltre un miliardo, con le relative conseguenze, note a tutti,  che hanno portato l’intero sistema dei rifiuti in tilt, dove non viene più garantito lo stipendio ai lavoratori né tanto meno il servizio della raccolta rifiuti. Una situazione al collasso che provoca non pochi problemi alle città siciliane.

A denunciare questo stato di cose il Segretario provinciale Fit Cisl Ambiente Francesco Ferrara, che sottolinea la situazione insostenibile dei  lavoratori che non possono più vivere del loro lavoro.

“Siamo oggi in contemporanea dinanzi alle prefetture di tutta l’isola per consegnare un documento unitario con firma dei sindacati Cgil, Cisl e Uil, nel quale sono individuate le cause dello sfascio di questo sistema al collasso, e le possibili risoluzioni. Chiediamo che il Prefetto possa avviare  un’interlocuzione con il presidente Crocetta.  E’ da tempo che cerchiamo un dialogo con il Governo regionale, ma senza esito” dichiara Ferrara.

Il presidio si è concluso con la consegna del documento in prefettura e dalla voce del sindacalista apprendiamo che ci sarà da attendere nei prossimi giorni quale sarà la risposta da parte del governo regionale. Inoltre sottolinea che la protesta non si arresterà se le istanze dei lavoratori non saranno ascoltate.

Francesca Del Grosso

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.