Cronaca

Sicilia, mezzi diretti al cantiere Muos tentano di forzare blocco

Foto internet

Ingente schieramento di forze di polizia cinge d’assedio tutta l’area intorno alla base NRTF della marina militare americana in contrada Ulmo di Niscemi, impedendo ai cittadini italiani di muoversi liberamente nella zona e bloccando tutte le strade che conducono alla base, transitabili solo a piedi e previa identificazione dei passanti.

Lo scopo evidente e dichiarato è di consentire il transito di un convoglio composto da diversi mezzi che trasportano operai, tecnici e materiali diretti al cantiere MUOS, in barba alla revoca delle autorizzazioni.

Nonostante la difficoltà nel raggiungere il posto, attivisti e mamme No MUOS sono riusciti, sinora, a ottenere un piccolo grande successo: dopo che diversi presidi lungo la stradasono stati sgombrati dalla polizia, solo tre mezzi militari sono entrati alla base, mentre quattro mezzi con numerosi operai sono dovuti tornare indietro.
La protesta pacifica dei cittadini continua a montare così come il blocco alla mobilità operato dalla polizia.

Ci auguriamo che prevalga la ragione e che non si ecceda nell’uso della forza nei confronti dei dimostranti che con la loro presenza pacifica e civile rivendicano pace, salute e giustizia: ricordiamo a tutti che continuare i lavori dopo la revoca delle autorizzazioni è reato. E chiediamo che mandanti ed esecutori materiali di tale reato siano perseguiti dalla legge.

Comunicato stampa del Coordinamento Regionale dei Comitati No Muos

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.