Cronaca

Sicilia, incidente operaio Anas. Fit CIsl “si intervenga per la sicurezza”

“Esprimiamo la nostra vicinanza alla famiglia dell’operaio morto stamani sull’autostrada Catania-Palermo all’altezza del bivio di Resuttano, investito mentre era impegnato nella manutenzione del verde. Nonostante i nostri ripetuti appelli sulla necessità di intervenire per potenziare la sicurezza sul lavoro per gli operai dell’Anas, niente è stato fatto”.

Ad affermarlo è Antonio Dei Bardi Segretario regionale Fit Cisl Anas, dopo il grave incidente accaduto stamani costato la vita ad un operaio cantoniere di 44 anni sull’autostrada Catania-Palermo.

“Uno dei 112 operai cantonieri ancora part-time dei 285 che attualmente operano nell’Isola, insufficienti a gestire e curare una rete viaria di oltre 4200 km di strade ed autostrade statali, che a causa del blocco alle assunzioni e del mancato tour over l’Azienda non ha ancora trasformato full time, nonostante si stia discutendo da anni con le parti sociali di un nuovo modello organizzativo. Un uso razionale del personale – aggiunge Dei Bardi – che deve essere però dotato degli adeguati strumenti per la sicurezza ed operare in numero sufficiente, consentirebbe di prevenire il più possibile episodi cosi gravi. Continuare a tagliare fondi sulla manutenzione stradale, caricare gli operai di mansioni di diverso tipo ed impegnative, non fa altro che mettere a rischio la loro sicurezza e quella degli automobilisti. E’ ora di intervenire”.

Dei Bardi conclude ribadendo “sarebbe necessario un aumento degli addetti sulle autostrade per la manutenzione, strumenti e dotazioni per gli operatori, maggiori finanziamenti da destinare al settore, per ripristinare una condizione di maggiore sicurezza”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.