PoliticaPrimo Piano

Presentato a Palazzo d’Orleans il Piano della formazione per la sicurezza sul lavoro

L’assessorato regionale alla Salute mette in campo due progetti formativi sulla sicurezza nei posti di lavoro. Iniziativa che  nasce a seguito degli accordi Stato-Regioni e rientra nel “Piano straordinario della formazione per la sicurezza sul lavoro”, proposto dall’assessore Lucia Borsellino ed approvato dal Comitato regionale di coordinamento in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Per la Regione si tratta di uno strumento volto a garantire un efficiente programmazione degli interventi formativi in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro,  allineandosi con la strategia europea (Migliorare la qualità e la produttività sul luogo di lavoro: strategia comunitaria 2007-2012 per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro), che individua come obiettivo principale delle politiche europee la “riduzione continua, durevole ed omogenea degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali”.

A presentare il piano, la stessa titolare dell’assessorato alla Salute ed il presidente della Regione, Rosario Crocetta, nel corso di una conferenza stampa tenutasi oggi in una affollatissima sala Alessi di Palazzo d’Orleans. “Il piano si articola in due macro progetti di formazione distinti- ha spiegato Borsellino- dove sono individuati prioritari settori rivolti al mondo della scuola, dell’edilizia e dell’agricoltura. Sara sviluppato dal dipartimento per le Attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico, all’interno del quale si svolgeranno diverse iniziative, convegni, seminari e concorsi. Pur avendo una chiara impronta formativa, vi saranno diversi interventi anche informativi, indirizzati alla lotta contro i rischi di infortunio mortale, proponendosi di raggiungere obiettivi di diffusione della cultura della sicurezza, nel mondo della scuola e soprattutto in relazione a specifici target di lavoratori dei settori edile ed agricolo, dove l’incidenza del fenomeno “morti bianche” è più alta”. La formazione nelle scuole siciliane coinvolgerà circa 10.000 soggetti, fra alunni, docenti e dirigenti scolastici.

Per la parte del progetto rivolto ai lavoratori in agricoltura e in edilizia il Dipartimento si avvarrà della collaborazione delle nove Aa.ss.pp presenti in Sicilia, che avranno la facoltà di selezionare i docenti sia all’interno del proprio personale sia all’esterno. Per quest’ultimo, qualora non fosse possibile reperire risorse interne, si potrà procedere per il reclutamento attraverso degli avvisi pubblici. Costo totale dell’operazione un milione 898 mila euro, fra fondi ministeriali e regionali. In particolare, 728.208 euro saranno destinati alla formazione negli istituti scolastici, 493.976 euro andranno al comparto agricolo, mentre 676 mila euro andranno alla formazione nel settore delle costruzioni.

In conferenza stampa il governatore della Sicilia ha annunciato una rimodulazione del Piano sanitario, da fare in tempi brevi, che non si allinea con quello  realizzato dal precedente governo soprattutto nella parte che riguarda i piccoli ospedali decentrati.

“Occorre in tempi brevi una riedizione del Piano sanitario- ha chiarito- che non può essere quello concordato dal vecchio Esecutivo con il Governo nazionale. Riteniamo che non sia possibile privare interi territori di ospedali e che non si possano chiudere i piccoli nosocomi, che invece vanno riorganizzati, mettendoli insieme e specializzando la loro offerta in modo da renderli piccoli centri di eccellenza”. Il piano, che sarà presentato in Giunta entro due settimane per poi passare al vaglio della commissione di merito dell’Assemblea regionale siciliana, è nato dal confronto con i territori. “Abbiamo visitato – ha poi aggiunto l’assessore Borsellino – tutti gli ospedali che secondo il precedente piano erano destinati alla chiusura e che ancora sono rimasti in funzione, senza però alcun investimento”.

Marina Pupella

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.