Economia & Lavoro

Sicilia, imprenditori disperati. Caputo: “Regione non sfugga proprie responsabilità”

Salvino Caputo, foto internet

“C’è chi si ricorda che la piccola e media impresa siciliana è quasi alla disperazione globale quando accadono fatti estremi come quello rappresentato dal suicidio dell’albergatore di Lipari. Da anni, invece, noi chiediamo che la politica faccia i giusti passi nella direzione del risanamento dell’economia” lo dice il vicepresidente della Terza commissione, Salvino Caputo, che ricorda “per esempio, l’immobilismo dell’Irfis – l’istituto che dovrebbe correre al capezzale della Pmi siciliana ormai ridotta alla bombola d’ossigeno”.

“E non dimentichiamo, per questo – riprende Caputo – che lo stato di sofferenza riguarda ormai ogni categoria, fino alle semplici famiglie che, giorno per giorno, rischiano di scendere sotto la cosiddetta soglia di indigenza. Aiutare la piccola e media impresa, quindi, con politiche mirate al risanamento dei settori che sono la spina dorsale dell’Isola, investendo impegno e fondi in agricoltura e cultura, nel mondo dell’artigianato e in quello essenziale e da sempre portante dell’economia siciliana, cioè il Turismo”.

Per questo, Caputo chiede ai presidenti della commissione Territorio con delega al Turismo, Giampiero Trizzino, e di quella alle Attività produttive, Bruno Marziano, una seduta congiunta con invito al nuovo assessore al Turismo, non appena questo sarà nominato: “praticamente una task force già disponibile – conclude – e in grado di affrontare i problemi e le tematiche legate al sistema ricettivo siciliano e rilanciarlo così da riportarlo nel suo naturale ruolo di volano economico di ogni altro settore della nostra regione”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.