Cronaca

Sicilia, imprenditore inizia sciopero della fame. “Vittima della burocrazia”

Emilio Missuto è un 39enne imprenditore edile di Gela che ha recentemente visto la sua azienda fallire per 37mila euro nonostante sia in attesa (da troppo tempo ormai) di riscuotere un credito di 1 milione di euro dal comune di Carbonia, in Sardegnaper lavori pubblici già realizzati e mai liquidati.

Per questo motivo, dallo scorso 19 aprile, ha deciso di iniziare lo sciopero della fame in segno di protesta ma, dopo quasi un mese, è stato ricoverato al Pronto Soccorso e dopo una somministrazione di flebo è stato dimesso. Missuto si definisce vittima della burocrazia e di uno Stato iniquo e ingiusto e rivolge la sua rabbia ai magistrati che, a suo dire, non avrebbero tenuto conto della causa della sua insolvenza causando la chiusura della sua attività e il conseguente licenziamento di 50 dipendenti.

Altra situazione molto seria che fotografa perfettamente come la burocrazia qui in Italia sia una piaga sociale che sta portando alla rovina troppe persone.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.