Economia & Lavoro

Sicilia, forestali: presidio all’Ars e sciopero della fame di Maurizio Grosso

Dal 26 al 30 aprile, in concomitanza con la discussione e il voto sulla legge Finanziaria regionale, sono organizzate dal SiFUS in tutto il territorio siciliano, una serie di iniziative di lotta che hanno come obiettivo strategico quello di far cambiare rotta alle politiche nefaste del Governo Crocetta relativamente al comparto agroforestale.

Il Governo Crocetta, infatti, come ripetutamente dichiarato dagli assessori all’economia e all’agricoltura, ma come sopratutto verificato in commissione attività produttive, intenderebbe prevedere in Finanziaria circa 240 milioni di euro.

Con 240 milioni di euro, al massimo, potranno essere garantiti, per contingente 78-101-151 giornate lavorative, ossia meno delle giornate del 2012 e molto meno di quelle del 2011 quando i contingenti lavorarono rispettivamente: 101- 151-180 giornate. Come se ciò non bastasse, gli interventi verrebbero effettuati, come ogni anno, senza una programmazione in grado di tener conto del ciclo biologico del patrimonio boschivo e forestale.

Solo in occasione della messa in campo della nostra azione di lotta, iniziano a partire le prime richieste al lavoro del 2013: arrivano con 2 mesi di
ritardo e sopratutto, riguardano un numero ridicolo di lavoratori e ancora più ridicolo di giornate (20 giorni sic!) Probabilmente il Governo Crocetta, si illude che con questa manovra che rasenta “l’elemosina”, avendo rabbonito i fedeli Confederali, può fermare i forestali del SiFUS. Si sbaglia di grosso!!! E’ evidente, che è in campo un clamoroso ritorno al passato con connessi usi e costumi!! L’esatto opposto della tanto proclamata Rivoluzione!!

Il Sifus rivendica nei confronti del Governo Crocetta la garanzia dei livelli occupazionali del 2011 e contestualmente, l’accelerazione dell’iter procedurale relativo all’approvazione della proposta di legge di iniziativa popolare sulla stabilizzazione dei forestali in un quadro di pubblica utilità. Per queste ragioni dal 26 al 30 aprile sono previste le seguenti azioni di lotta:
1) dal 26 al 30 aprile presidio sotto l’ARS e sciopero della fame del suo Segretari Generale;
2) in data lunedì 29 aprile occupazione simbolica dei comuni siciliani forestati ( modello 26 marzo 2013);
3) dal 29 aprile le occupazioni simboliche dei Comuni, a seconda dello stato della trattativa, potrebbero trasformarsi in occupazioni simboliche di una decina di arterie stradali siciliane.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

2 commenti

  1. scusa pietro io eliminerei tutto il sistema perchè da lavoro soltanto ai soliti noti io volevo inserirmi in graduatoria e mi è stato detto che è bloccata da 20 anni vorrei capire perchè dobbiamo permettere a chi lavora già di fare un secondo lavoro e a chi non lavora precludiamo l’accesso

  2. che schifo ci stanno portando all’elemosina questi ladri bastardi e ora di prendere i fucili e fare la guerra

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.