Primo Piano

Sicilia, Finanziaria. “Salviamo il Centro Padre Nostro”

Michele Cimino. Foto Internet

“Non bisogna buttare l’acqua sporca con tutto il bambino, questo è accaduto con l’azione del Commissario dello Stato. Salviamo il Centro Padre Nostro di Brancaccio a Palermo”. Lo afferma il deputato regionale di Voce Siciliana, l’on. Michele Cimino.

“In tempi non sospetti-continua Cimino- ho ribadito rispetto ai tanti mistificatori, il danno che sarebbe stato creato alla cultura ed ai servizi socio-assistenziali siciliani, abolendo la cosiddetta tabella H, che altro non è, se non un elenco di fondazioni, enti e associazioni, istituite con leggi della Regione Siciliana,operanti da oltre venti anni.

Il Commissario dello Stato deve fare un controllo di legittimità e non di merito. Citare una Sentenza della Corte Costituzionale del 2009, che ha di fatto eliminato i finanziamenti nel 2009,2010, 2011 e 2012 mi pare veramente anacronistico.

Il Parlamento regionale deve avere uno scatto di orgoglio, il Centro Padre Nostro di Brancaccio a Palermo ha una legge istitutiva dal 1995. La politica-conclude l’on Cimino- non può “festeggiare” la beatificazione di Padre Puglisi determinando la chiusura del centro, proprio da lui fortemente voluto”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.