AmbientePrimo Piano

Sicilia: Ddl Plastic free all’Ars, in 5 comuni M5S sindaci vietano plastica

(di redazione)  In Sicilia cinque comuni dal M5S sono Plastic Free. Augusta, Alcamo, Acireale, Pietraperzia e Pantelleria hanno messo al bando prodotti in plastica monouso, sostituendoli con quelli biodegradabili.

Da tempo, infatti, il M5S ha presentato all’Ars un Disegno di legge primo firmatario Giampiero Trizzino, che vieta utilizzo di prodotti in plastica monouso.

E sebbene il Ddl, che si compone di 5 articoli, debba ancora essere discusso nelle commissioni di merito di palazzo dei Normanni, nei comuni a guida 5stelle il divieto è già in vigore.

Il provvedimento introduce il divieto per la Regione, gli enti regionali, istituti ed aziende soggette alla vigilanza della Regione di utilizzo di contenitori e stoviglie monouso non biodegradabili per la somministrazione degli alimenti o bevande nelle mense, nei luoghi pubblici di propria competenza, macchinette in comodato, nei bar-ristoranti interni.

Il ddl, poi, prevede misure deterrenti per stimolare l’amministrazione regionale, i Comuni e altri soggetti a promuovere iniziative a basso impatto ambientale, utilizzando materiali biodegradabili e incentivando la raccolta differenziata. E introduce incentivi per gli enti virtuosi, che ricadono anche sui cittadini con l’abbattimento della tassa sui rifiuti, e sanzioni in caso di violazione, che vanno da un minimo di 500 euro e un massimo di 2 mila euro.

“Questo testo di legge – dice Trizzino – vuole dare un contributo concreto alla riduzione di rifiuti e materie plastiche, particolarmente inquinanti. La pubblica amministrazione deve dare il buon esempio e questo provvedimento va proprio in questa direzione. La ratio del provvedimento, che introduce un sistema di premialità per gli enti locali, poi, si traduce in un abbattimento dei costi della Tari per i cittadini e per le aziende. Cinque comuni amministrati dal M5S hanno già emanato delle ordinanze sindacali che vanno in questa direzione, introducendo una vera e propria rivoluzione culturale. Agli enti locali sopracitati presto si aggiungeranno il comune di Porto Empedocle e quello di Grammichele, ancor prima dell’avvio dell’iter parlamentare che porterà il ddl ‘Plastic Free’ in Aula, a riprova che se c’è la volontà politica basta poco per introdurre quel cambiamento auspicato anche dal ministero dell’Ambiente, che si è già liberato della plastica”.

“Dal 1 ottobre, infatti, negli uffici ministeriali – prosegue Trizzino – i distributori di bibite e alimenti non offrono più prodotti confezionati con plastiche monouso, fatta eccezione per alcuni alimenti in forza delle disposizioni di legge in materia di confezionamento dei prodotti alimentari.

Sono stati eliminati i distributori di bottiglie di plastica, installati erogatori di acqua naturale o frizzante, anche refrigerata, distribuite gratuitamente ai dipendenti borracce in alluminio riciclato del Consorzio Cial, per consumare l’acqua alla scrivania e sostituiti nei distributori di bevande calde i bicchieri di plastica con quelli di carta.

Lo stesso dicasi per le paline di plastica per girare il caffè, sostituite con quelle di legno e ancora, per citare qualche altra misura, eliminati i prodotti monouso nell’asilo nido del Ministero”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.