Economia & Lavoro

Sicilia. Coinres, lavoratori lasciano assessorato. Nuova proroga

Nicolò Marino. Foto Internet

Nuova proroga al 10 maggio per i 190 lavoratori del Coinres. A comunicarlo ai sindacati, al termine di un incontro che si è tenuto nella sede dell’assessorato regionale all’Energia dove i lavoratori avevano occupato i locali al sesto piano per protestare contro il licenziamento, è stato l’assessore Nicolò Marino. Diversi stamani i momenti di tensione durante la protesta.

“La soluzione proposta dai sindaci, e cioè il ricorso alle cooperative , ci ha comunicato l’assessore Marino – spiega Francesco Ferrara Segretario provinciale Fit Cisl – non è praticabile per una serie di problemi normativi. Per avere il tempo di individuare un’altra via , questa volta insieme alle organizzazioni sindacali, si è reso necessario la proroga dei lavoratori fino al 10 maggio”.

Domani a Catania è previsto un incontro fra i sindaci, i sindacati ,l’assessore e il liquidatore del Coinres Roberto Celico per affrontare insieme la difficile vertenza. “E’ un ulteriore rinvio, ma la vertenza non è stata risolta. Occorre prendere altro tempo per risolvere speriamo definitivamente la vertenza che ormai sta assumendo i contorni di quello che possiamo definire un serial televisivo dove i protagonisti sono i lavoratori del Coinres, che ad ogni puntata, si trovano costretti ad evitare il loro licenziamento”.

“Nel frattempo i lavoratori che ringraziano l’assessore Marino per la sensibilità con la quale affronta sempre questa difficile vertenza, hanno lasciato i locali dell’assessorato , nell’auspicio che domani non sia un altra giornata di rinvio ma piuttosto si possa trovare la soluzione definitiva per i 190 operai del Coinres”.

Ferrara conclude: “Continuiamo,infine, a notare con disappunto che puntualmente gli impegni assunti dall’ingegnere Celico, nei confronti delle organizzazioni sindacali vengono disattesi”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.