PoliticaPrimo Piano

Sicilia, Aps. “Serve provvedimento tampone e poi Legge”

Dopo l’incontro di ieri in Commissione Bilancio, il tema del fallimento di APS e della prosecuzione del servizio idrico è stato affrontato oggi in Commissione Ambiente.

Con un Ordine del Giorno approvato dall’Aula di Sala d’Ercole e presentato da Vincenzo Figuccia, il Governo era stato impegnato ad affidare in via transitoria il servizio all’ATO 1, ma oggi l’Assessore Marino ha proposto una soluzione di non facile e veloce realizzazione:
la costituzione del Consorzio fra i Comuni interessati ed il coinvolgimento dell’AT O per la gestione.

“Si tratta di una soluz[g1] ione certamente interessante, ma non praticabile nel breve periodo e che non scongiura il pericolo di una imminente interruzione del servizio – spiega Figuccia – Sarebbe piuttosto necessario intanto un provvedimento che sblocchi subito i circa 5 milioni di euro disponibili per garantire il servizio nei prossimi mesi, assicurando anche il reddito ai lavoratori, per poi affrontare il tutto in modo organico e complessivo nell’ambito della legge di riforma del settore.”

Questa è la proposta che Figuccia formalizzerà al Presidente della Regione che già oggi pomeriggio si è detto disponibile ad incontrare una delegazione dopo aver affrontato il tema con gli uffici legali della Regione.

“Quel che è certo – afferma Figuccia – è che non si possono proporre soluzioni tampone come se fossero definitive, altrimenti ci ritroveremmo presto a dover affrontare una nuova emergenza, dietro la quale si celano rischi di carattere sanitario e di disastro ambientale.”

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.