Politica

Sicilia, “Anche l’acqua a rischio. Crocetta e Orlando facciano chiarezza”

Vincenzo Figuccia, Foto internet

E’ ormai ufficiale la stesura del calendario per la consegna delle reti per la gestione delle acque. La prima verrà consegnata il 30 Dicembre e sarà Cinisi. A seguire un lungo calendario, che nell’arco di circa un mese, fino al 29 gennaio coinvolgerà i Comuni di Altavilla, Campofiorito, Castronovo, Cefalù, Mezzojuso, Misilmeri, Pollina, Termini Imerese, Terrasini, Trappeto, Vicari e Villafrati.

“Ho sentito l’Assessore Marino – afferma Vincenzo Figuccia, Viceprsidente della Commissione Affari Istituzionali all’Ars, che incontrerà giovedì il Prefetto per affrontare questa complessa questione.

All’Assessore riconosco impegno e serietà nell’affrontare il tema, tuttavia la stessa chiarezza non è stata mostrata dal governo nella sua interezza e dal presidente Crocetta che sembra incurante delle gravi sorti che attendono i 210 lavoratori, le loro famiglie, ma anche i cittadini che adesso si vedranno negato persino il diritto di accesso all’utilizzo di uno dei beni primari, come l’acqua, con i conseguenti problemi legati alle reti fognarie, alla sanità e alla sicurezza pubblica.

Consiglierei – continua Figuccia- al Presidente Crocetta di dialogare in maniera più fattiva con l’Assessore Marino, perché come sempre ormai, mentre da un lato il Governo è intento nelle sue bagarre, dall’altro cittadini e lavoratori, continuano a pagare un salatissimo conto, che nessuno ormai può più permettersi.

Altrettanto equivoca risulta la posizione di Orlando, che non ha ancora chiarito in che modo pensa di affrontare questa difficile problematica. Se da un lato infatti si è molto discusso su un possibile coinvolgimento dell’AMAP, dall’altro sembrerebbero sussistere una serie di vincoli di carattere giuridico. E’ necessario – conclude Figuccia- oggi più che mai assumere posizioni chiare, soprattutto davanti al Prefetto per il bene dei lavoratori e dei cittadini.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.