CronacaPrimo Piano

Sicilia, “Ad un mese dalla strage di Lampedusa nessuna azione concreta”

“Ad un mese dalla strage di Lampedusa, la commissione europea e gli Stati membri non hanno messo in campo azioni concrete per fronteggiare l’emergenza, tutt’altro che conclusa, degli sbarchi nel canale di Sicilia”.

A dirlo è l’europarlamentare del Ppe, Salvatore Iacolino, vicepresidente della commissione per le Libertà civili, la Giustizia e gli Affari interni, che oggi alle 17,30, a Castronovo (Palermo), parteciperà ad una messa in suffragio delle vittime di Lampedusa, voluta dall’amministrazione comunale.

“Eccetto la Slovenia che sta collaborando con l’Italia nell’operazione ‘Mare Nostrum’ – aggiunge Iacolino – il salvataggio e l’accoglienza dei migranti è tutto sulle spalle degli Stati membri rivieraschi. La task-force formata da Commissione europea, Europol, Frontex, Servizio per l’azione esterna dell’Ue esiste solo sulla carta. Mancano infatti mezzi, energie e risorse economiche. Così come è stata finora disattesa la risoluzione congiunta approvata dal Parlamento europeo in materia d’immigrazione”.

“La politica degli annunci – conclude Iacolino – deve lasciare spazio ai fatti, altrimenti un pezzo d’Europa sarà sempre più lontana dal popolo europeo”.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.