PoliticaPrimo Piano

Sicilia, a Palermo presentata lista Scelta Civica con Monti per L’Italia

Foto di Francesca Del Grosso

Massimo Plescia, imprenditore, portavoce regionale di Italia Futura ha presentato, questa mattina,  la lista “ Scelta Civica con Monti per l’Italia” riportando l’attenzione su due parole chiave, Scelta e Civica dichiarando di rappresentare una lista che è “  Scelta di rinnovamento che parte dal basso”.

Una lista che conta il 40% di donne e un discreto numero di giovani tra medici, ingegneri, imprenditori, operatori finanziari e anche un ex ballerina del teatro Massimo, Anna Di Martino.

Un movimento civico che vede come capolista Gea Schirò Planeta che nel suo intervento si autodefinisce l’immagine del cambiamento: “ Sono l’immagine della volontà di cambiamento e innovazione, di un movimento popolare civico e responsabile in quanto siamo nati in un momento di emergenza democratica del paese. Eravamo sull’orlo del baratro. Lo spread era alle stelle. Monti è stato chiamato a risanare il nostro paese e nonostante i piccoli inciampi, è stato un governo serio in cui mi sono sentita  rappresentata. Monti ci ha restituito decoro, tolti dalla marginalità, ridandoci  autorevolezza in Europa.  L’imu è stata una chemio che si è dovuta fare per guarire il paese.  Come capolista ho l’onore e l’onere di rappresentare adeguatamente la lista e fare sintesi dei progetti dei candidati. Siamo una squadra coesa. Le mie priorità per la Sicilia sono: cultura, impresa, innovazione, infrastrutture e materiali”.

Nella lista ritroviamo anche Lorenzo Alessi, esperto dei fondi europei per l’unità di verifica degli investimenti pubblici per il ministero dello sviluppo economico, che rifugge dall’attribuire responsabilità dei governi precedenti e sottolinea l’importanza di agire e di fare impresa e sfruttare i fondi euopei : “ E’ necessario fare impresa. Ho avviato un’ industria  di ghiaccio a Termini Imerese che produce  fino a 50 tonnellate di ghiaccio al giorno,  con un fatturato in progressione. Inoltre sono un esperto di fondi europei a livello statale. Abbiamo miliardi di euro da spendere, circa 60 miliardi di euro destinati al Mezzogiorno, pertanto bisogna progettare un tavolo per usare questi fondi per risollevare il PIL”.

Il movimento tra i suoi nomi  vanta anche la presenza di Ettore Artioli,  ex presidente di Confindustria Sicilia, vice nazionale di Montezemolo, ex dirigente Amia e Amat a Palermo, che nel suo intervento sottolinea la necessità di creare occupazione e di rilanciare l’edilizia.  “Bisogna puntare all’occupazione e al rilancio dell’edilizia in Sicilia, attraverso una grande manutenzione del territorio siciliano per far crescere l’economia e il turismo. L’italia è come un paziente che ha subito vari interventi chirurgici,  che adesso deve riprendere a camminare e lottare contro la criminalità e i troppi usi distorti della politica e gli sprechi attraverso l’istituzione di un’ agenzia delle uscite”.

In tema di astensionismo dell’elettorato dopo l’esperienza delle amministrative, Artioli risponde : “Crediamo che bisogna ritrovare la fiducia.  Non votare non significa protestare, ma delegare  la politica in mano a pochi e consolidare un sistema politico che non funziona, e che non è  in grado di dare risposte”.

Francesca Del Grosso

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.