Cronaca

Sferracavallo (PA), “No alla condotta sottomarina. Si a progettazione condivisa”

Leoluca Orlando. Foto Archivio

Si è svolto ieri a Sferracavallo un incontro fra il Sindaco Leoluca Orlando, il Comitato tecnico scientifico di Oikos ed un gruppo di cittadini ed esperti interessati alla salvaguardia e alla tutela del mare di Sferracavallo e dell’area protetta. Oggetto dell’incontro, il progetto di realizzare una condotta sottomarina che scarichi nel mare della riserva le acque trattate dal depuratore di Fondo Verde Giardini.

A testimonianza dell’importanza che l’Amminsitrazione assegna alla vicenda, il Sindaco era accompagnato da tutti gli Assessori con ruoli tecnici legati alla tutela del territorio e dell’ambiente: Agata Bazzi, Giuseppe Barbera e Tullio Giuffrè.

Il Sindaco ha confermato la propria chiara posizione mirata alla tutela intransigente del mare, “una posizione – ha ricordato – che
risale al 1997 e che non ho mai cambiato, a maggior ragione dopo le inaccettabili decisioni della Regione, del CIPE e della Provincia che vorrebbero realizzare l’impianto.”

Orlando ha sottolineato la “evidente contraddizione fra le norme dell’Unione Europea in materia di tutela ambientale e le posizioni del Ministero dell’Ambiente da un lato e le posizioni espresse dal CIPE dall’altro; una contraddizione ancora più evidente alla luce della possibile applicazione di sanzioni europee alla Regione e al Comune per la mancata soluzione del problema fognario della città.”

“Una soluzione sostenibile per ambiente e cittadinanza – ha dichiarato il Sindaco – non può essere trovata nello scarico delle acque trattate all’interno di un’area marina protetta, ma andrà individuata, in tempi brevissimi e col supporto scientifico-tecnico delle Università siciliane e dell’Amap, per essere presentata ai cittadini e quindi portata a Bruxelles con la richiesta di consentire da parte del Comune un percorso rispettoso di tutte le normative ambientali.

“Chiederemo alla Commissione Europea – ha concluso Orlando – di rispettare e anzi agevolare una progettualità condivisa con i
cittadini e la comunità locale, sciogliendo le attuali contraddizioni frutto di scelte insostenibili, culturalmente arretrate e sterilmente punitive.”

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.