CulturaPrimo Piano

Settimana delle Culture, gli eventi in programma del 14 maggio

Futurist garden

Tanti gli appuntamenti proposti per giovedì 14 maggio dalla “Settimana delle culture”, promossa dell’omonima associazione presieduta da Gabriella Renier Filippone, in collaborazione con il Comune di Palermo, l’assessorato regionale ai Beni culturali, la Provincia e l’Università. Tutti gli appuntamenti, se non è diversamente indicato, sono ad ingresso libero. 

Dalle 9,30 alle 16,30 al Museo Diocesano di Palermo (Mudipa, in via Matteo Bonello 2), fino a venerdì 15 maggio, “C’era una volta Rosalia… sincretismi a Palermo”. Il progetto incentrato sulla figura della Santa Patrona di Palermo, propone un percorso interculturale tra storia, devozione e tradizione. Laboratori didattici per bambini (Scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado) curato da Didart-Laboratorio Sperimentale/Muse costo 3 euro (biglietto d’ingresso incluso). Prenotazione obbligatoria  (entro le 24 ore precedenti) contattando Didart: didartlab@libero.it, 3485554009, 3493128465. Il racconto C’era una volta Rosalia, che descrive il legame millenario che unisce la figura di Rosalia alla città di Palermo e alle varie realtà culturali in essa presenti, sarà letto dalle operatrici durante la visita al Museo Diocesano di Palermo. Gli alunni saranno coinvolti nelle varie fasi di disvelamento del personaggio protagonista della giornata, Rosalia, da sempre emblema di sincretismi culturali. Al termine dell’attività si svolgerà il laboratorio ludico – didattico durante il quale i bambini saranno coinvolti in un’attività di rielaborazione dell’immagine.

Sempre di mattina, al Museo Riso (in corso Vittorio Emanuele) “Visita al Museo Riso”: percorsi guidati gratuiti volti ad indagare suggestioni e linguaggi del contemporaneo, collegati sia ad una selezione di opere della collezione permanente del Museo (Anselmo, Kounellis, Long, Pivi e Vitone) sia alla mostra temporanea “Davide Bramante + Nove”. A cura del Settore Educazione di Riso, Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia. Per prenotare, Francesca Patti: 320.2749762, pattifrancesca_1@libero.it o Claudia Latino: 320.4134868,claudialatino@hotmail.it.

Dalle 9 alle 17, da piazza Verdi ai Quattro Canti, “Il Paesaggio del Centro Storico di Palermo”, estemporanea di pittura, a cura dell’Associazione artistica culturale Emiro D’Arte e Borgo Maqueda. E fino alle 20 mostra dei dipinti realizzati all’ingresso della Galleria delle Vittorie.

Dalle 9.30 alle 11.30 a Palazzo Alliata di Villafranca (in piazza Bologni), “I Pupi Antimafia” di Angelo Sicilia propongono uno spettacolo di pupi siciliani per le scuole su Padre Pino Puglisi. Ingresso 3 euro.

Alle 10, visita guidata alla Gipsoteca di Palazzo Ziino (in via Dante 53) a cura dell’architetto Antonio Di Lorenzo.

Alle 10,30, nella sede di Confindustria Sicilia, “Manager si diventa: la metamedicina ed il management si Incontrano”. A cura di Mario Greco Scribani.

Dalle 11 nella bottega 5 dei Cantieri culturali alla Zisa, “Bottega Armamari – Creatività per la terra”, a cura di Rosanna Ferrara. Esposizione e laboratori creativi Arte, natura e meditazione di Francesca Di Chiara; alle 18 “Bhakty mantra“, harmonium e canti sacri di Alessandro Puccio; alle 19 “Danze sacre per la terra“ di Delizia Alessandra; alle 20 “Finding Happiness“, videoproiezione. I laboratori creativi sono a prenotazione, contributo di 2 euro (bambini) e 5 euro (adulti). Le performance artistiche sono a offerta libera. Info e prenotazioni: Rosanna Ferrara 389.1659556 – Alessandra Cerrito (laboratori creativi e giochi) 334.1964521.

Dalle 15 alle 19 nell’Aula magna della scuola Politecnica (ex Facoltà di Ingregneria), tavola rotonda su “La Sicilia a 360 gradi” e “Terra madre”, mostra fotografica di Pucci Scafidi, organizzata dall’Associazione Fiori d’Acciaio.

Alle 16 a Palazzo Alliata, “Storia della famiglia Alliata di Villafranca”, conferenza a cura di Giovanni Mendola

Alle  16.30 nella Sala Onu del Teatro Massimo “Il Revival del salotto musicale”, concerto a cura di Maria Clara D’Eredità (chitarra).

Alle 17 a Palazzo Ziino, conferenza di Marcella Croce su “La Storia misteriosa dell’Isola di Pasqua”.

Alle 17 al Teatro Lelio, 1° Festival della Canzone e Musica Siciliana, Premio Rosa Balistreri Città di Palermo. A cura di Alfonso Gagliardo e Mimmo La Mantia e dell’Associazione Movimento Libera Rappresentanza Palermo.

Dalle 18.30 alle 21.30, nella Sala Perriera dei Cantieri culturali alla Zisa, anteprima cittadina del film documentario di Hèléne Crouzillat e Laetitia Tura “I messaggeri (Les messagers)”, a cura del Forum Antirazzista Palermo.

Alle 17.30, alla Libreria Macaione, “Dialoghi. Crescita spirituale” di Jay Matthew Phippen. A cura dello Spazio Cultura Macaione

Alle 18 da Corte Sammuzzo, “Omaggio a Sinatra”, concerto e proiezione di audiovisivi a cura di Gloria Martellucci.

Alle 18,30 nel Foyer del Teatro Massimo, “Ad occhi chiusi”, di e con Gabriella Pellitteri. È questa l’ultima interessante sfida che l’artista Gabriella Pellitteri si accinge ad affrontare durante la quarta edizione della Settimana delle culture. Esplorazione tattile, percorso multisensoriale, Lectio Dantis sono gli elementi fondamentali di uno spettacolo che mira ad interessare, stupire e meravigliare il pubblico. Due fattori determinanti della performance sono l’approccio al tattilismo, all’esplorazione tattile, al vedere con le mani; l’altro, il far risuonare dei famosissimi versi del sommo Poeta, Dante Alighieri, le chiese e i palazzi palermitani. Alchimie strane, nuovi percorsi al tempo di un walzer e andando controcorrente. Spettacoli da vedere, da sentire, da percepire non da descrivere.

Alle 18.30 a Palazzo Sant’Elia, “Enzo Venezia – Pitture, Video, Installazioni”, inaugurazione della mostra organizzata dalla Fondazione Sant’Elia

Alle 18.30 al Goethe Institut Palermo ai Cantieri Culturali alla Zisa, “Musica per l’Europa”, concerto di Ulrich von Wrochem (viola), organizzato dal Goethe-Institut in collaborazione

con Istituto Cervantes e Curva minore.

Dalle 18.30 alle 21 nel Salone dei musici di Palazzo Alliata di Villafranca, “La cultura giapponese, dalla cerimonia del tè alla vestizione del kimono”, a cura di Andrea Cabrera Alonso e dell’Associazione Sicilia-Giappone. Ingresso con contributo di 3 euro.

Alle 19.30, all’Orto Botanico (in via Lincoln 2), nell’ambito di “FuturistGarden, suggestioni culturali&colturali”, a cura dell’architetto paesaggista Maria Elena Marani e dello scultore Giannino Tufano, sarà inaugurata la sua “Lanterna” (Pantellerite): grandi pietre luminose (a luci led) “Lanterna”, tufi palermitani e una bellissima pantellerite (innesto pantesco), costituiranno i punti focali della  scenografia compositiva, come “contrappunto” (melodie correlate)  all’albero secolare di incomparabile bellezza, simbolo dell’Orto Botanico di Palermo, il Ficus magnolioide  (Ficus macrophylla). L’albero avrà  il duplice ruolo di attore  principale e di scenografia  della composizione artistica 

Le mostre in corso per la «Settimana delle culture»

Fino al 17 maggio, all’Orto Botanico (in via Lincoln 2), “FuturistGarden, suggestioni culturali&colturali”, con le installazioni “Paesaggi isolani” e “Cappelli in fiore”, a cura di Maria Elena Marani e Giannino Tufano. Questi gli orari: 9/13 e 16/20.

Sempre per tutta la durata della “Settimana delle culture”, dalle 10,30 alle 13 e dalle 16 alle 20 (la domenica solo su appuntamento), da Giuseppe Veniero Project (piazza Cassa di Risparmio 22) è possibile visitare “Oratorio dell’inganno”, mostra di Michelangelo Galliani. L’artista emiliano presenta circa una decina di sculture in marmo e piombo, tutte inedite: sono per la maggior parte esposte a parete, salvo una, collocata al centro dello spazio a fare da fulcro dell’intera esposizione.

Dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 visite a Palazzo Alliata di Villafranca (in piazza Bologni). All’interno del Palazzo è, inoltre, possibile visitare la mostra fotografica, intitolata “Palermo scrigno di storia. Itinerario fotografico dell’architettura arabo-normanna”, a cura di Michele Salica. Con gli stessi orari, si può visitare la “Stanza del Cuoio”. E fino al 22 maggio, nella Sala di Fabrizio di Palazzo Alliata si può ammirare la mostra pittorica “De Rerum Natura”, con opere di Rosalia Marchiafava. Ingresso al Palazzo 3 euro.

Fino al 17 maggio, allo Spazio Cannatella (in via Papireto 10), dalle 16 alle 19 è aperta la mostra di fotografia/backstage “Tablo” di Elisabetta Errante. Il lavoro teatrale è semplicemente una domanda che si chiede quale sia oggi il rapporto tra autorità e libertà, e quale il ruolo dell’uomo dentro questo rapporto…e dell’artista come essere umano in costante dis-armonia con la realtà stessa. Non pretendiamo di trovare una soluzione poiché la risposta è già nella ricerca… dell’arte e nella nostra stessa esistenza. A cura dell’associazione Apeiron.

Fino al 24 maggio, allo Studio 71 (in via Vincenzo Fuxa 9), Senso, installazioni di Filli Cusenza. A cura di Vinny Scorsone.

Fino al 24 maggio, a Palazzo Sant’Elia (via Maqueda 81), dalle 9 alle 18 è possibile visitare la collettiva di pittura “Fuori dall’ombra 2”. A cura di Anna Maria Ruta. Opere di Luigi Citarrella, Cinzia De Luca, Nicolò Giuliano, Maria Rosaria Grassi, Dan Iroaie, Giovanna Lentini, Liliana Paganini, Eugenio Tagliavia, Aurora Varvaro, René Vinçon, Marilù Viviano, Stefano Zangara. Omaggio ad Ignazio Apolloni con Opere di Calogero Barba, Lillo Giuliana, Michele Lambo, Giuseppina Riggi, Salvatore Salamone, Franco Spena, Agostini Tulumello.

Sempre a Palazzo Sant’Elia è in corso la collettiva di fotografia “Lo sguardo e la luce 2015”, a cura di Maria Antonietta Spadaro. Fotografie di Patrizia Campanella, Santo Eduardo Di Miceli, Giacomo D’Aguanno, Flaminia Fanale, Turiana Ferrara, Francesco Fornasari, Rosellina Garbo, Valerio Marchese, Silvia Melodia, Rori Palazzo,  Fabio Savagnone, Max Serradifalco, Benedetto Tarantino, Teresa Werber. Le due mostre sono organizzate dall’Associazione Settimana delle Culture, hanno collaborato Lucian Albanese e Giorgio Filippone. Orari: 9/18

Ancora nel Palazzo di via Maqueda si può visitare la mostra collettiva d’incisione “10 incisori a Palazzo Sant’Elia”. Opere di Rosario Amato, Liliana Conti Cammarata, Nicolò D’Alessandro, Patrizio Di Sciullo, Laura Giambarresi, Carla Horat, Edo Janich, Gino Merlina, Vincenzo Piazza, Lanfranco Quadrio. A cura di Liliana Conti Cammarata e Nicolò D’Alessandro, in collaborazione con il Laboratorio D’Alessandro, Museo del disegno. Patrocinato da Salvare Palermo.

Infine, nella Cavallerizza di Palazzo Sant’Elia, dalle 9 alle 18 può essere visitata “Nel segno della memoria”, mostra di disegni di personaggi illustri ospiti al Grand Hotel Des Palmes di Palermo. Collezione di Toti Librizzi.

Fino al 30 maggio, al Real Albergo dei Poveri, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, si potrà visitare “Polemos”, La mostra raccoglie opere sul tema della legalità, realizzate dagli studenti, insieme con i loro docenti, dei Licei Artistici, degli Istituti d’Arte e delle scuole secondarie di secondo grado del distretto palermitano. La produzione artistica avverrà con l’uso di tutte le tecniche della comunicazione e rappresentazione visiva L’esperienza didattica si svilupperà attraverso secondo gli indirizzi di studio: design, grafica, scenografia, arti figurative, architettura e ambiente, ceramica, mosaico. A cura di Angela D’Angelo e Giuseppe Campo. Organizzato da Associazione Casa Memoria “Felicia e Peppino Impastato” onlus.

Fino al 14 giugno, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, nella sala biblioteca del C.R.I.C.D, al Real Albergo dei Poveri è in corso la mostra “Metropolis, 303 artisti per un libro di artista di sessanta metri”, a cura del Centro Internazionale della Grafica di Venezia.

Sempre fino al 14 giugno, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, al Real Albergo dei Poveri, si potrà anche visitare Le Tele di Penelope fra le trame e gli orditi, mostra di tessuti dei cinque continenti dal VI al XX secolo. Collezioni di Santo Campanella e Luciano Riccobono.

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.