Primo PianoSport

Serie A, 29a giornata. Vincono le prime quattro, Samp-Inter rinviata

Francesco Totti, foto internet

La 29a giornata di serie A ha visto la vittoria delle prime quattro squadre della classifica (Juventus, Napoli, Milan e Fiorentina) e la sconfitta dei fanalini di coda Palermo e Pescara che, sebbene ancora non siano condannate dalla matematica, hanno più di un piede in serie B. Il Siena pareggia e si avvicina prepotentemente al Genoa; le due squadre si affronteranno al Marassi nel prossimo turno – sabato 30 marzo, prima di Pasqua – in un’autentica sfida salvezza all’ultimo sangue. Rinviata per allerta meteo Sampdoria – Inter; possibile recupero il 2 o il 3 aprile.

In serata i convocati di Prandelli per la doppia sfida della nazionale azzurra contro Brasile e Malta di questa settimana.

(giocata sabato) Catania – Udinese  3-1  /49′, 67′ Gomez (C), 72′ Lodi (C), 81′ Muriel (U) / – Nell’anticipo di sabato delle ore 18 l’incredibile Catania di Rolando Maran vince nettamente lo scontro diretto per l’Europa contro la giovane Udinese di Guidolin orfana di Di Natale. Mattatore il “Papu” Gomez, autore di una doppietta: il primo dopo uno splendido uno-due con il connazionale Castro, il secondo di testa anticipando Badu (Gomez, 1,65 centimetri). Una punizione di Lodi – deviata dalla barriera – chiude i conti. Inutile il bel gol della bandiera di Muriel.

(giocata sabato) Bologna – Juventus  0-2 / 61′ Vucinic, 73′ Marchisio / – La Juventus resta saldamente in testa alla classifica sbarazzandosi del Bologna con due gol, entrambi arrivati nel secondo tempo. Non rischia praticamente mai la squadra di Conte che riesce a costruire una perfetta gabbia per isolare le giocate dei tre attaccanti falsinei, Diamanti su tutti. Nel secondo tempo escono alla distanza i campioni d’Italia con un Pirlo in gran forma. Le reti sono opera di Vucinic che agira Naldo, e di Marchisio che segna dopo un sontuoso uno-due proprio con il montenegrino.

Siena – Cagliari  0-0 / – Il Siena, nell’anticipo delle 12,30, pareggia la gara casalinga contro il Cagliari: un’occasione sprecata – a posteriori – vista la sconfitta del Genoa. I toscani si portano comunque ad un solo punto dal Genoa di Ballardini ed il prossimo turno vedrà le due squadre affrontarsi nella bolgia del Marassi. Il Siena, ricordo, ha sei punti di penalizzazione.

Fiorentina – Genoa  3-2 / 33′ Aquilani (F), 59′ Portanova (G), 62′ Cuadrado (F), 69′ Antonelli (G), 78′ autogol Cassani (F) / – Una partita al cardiopalma quella di Firenze: al spuntarla sono i viola di Montella dopo che il Genoa aveva riequilibrato il match per ben due volte. I padroni di casa passano in vantaggio con un gol di Aquilani dopo un ottimo spunto di Ljaijc ma il centrocampista romano commette un evidente fallo – spinta- sul difensore Granqvist non visto dalla terna arbitrale. Da annullare. Nel secondo tempo la partita si anima: pareggia Portanova su calcio d’angolo e poco dopo Cuadrado riporta in vantaggio i viola sfruttando un’indecisione grossolana di Tzorvas che sostituisce Frey. I grifoni non mollano e trovano il nuovo pareggio con Antonelli, dopo un’ottima sponda di Jankovic anche se la difesa toscana non è esente da colpe. Entra l’ex Mattia Cassani e forse avrebbe fatto meglio a non farlo: sugli sviluppi di un calcio d’angolo l’ex terzino di Palermo e Fiorentina colpisce sfortunatamente il pallone di schiena trovando un incredibile autogol che regala i 3 punti alla Fiorentina.

Milan – Palermo  2-0 / 8′ (rig.), 66′ Balotelli / clicca qui

Napoli – Atalanta  3-2 /4′ (rig.), 65′ Cavani (N), 31′ autogol Cannavaro (A), 73′ Denis (A), 81′ Pandev (N) / – Il Napoli soffre, rischia ma alla fine porta a casa un’importantissima vittoria che permette ai pertenopei di mantenere il secondo posto in classifica. Si sblocca Cavani – arrivato a quota 20 gol, non segnava dal 27 gennaio contro il Parma – ed il Napoli riesce a superare un’Atalanta mai doma. Apre l’uruguaiano che trasforma un rigore molto dubbio (il fallo, se c’è, è fuori area) ma l’Atalanta pareggia alla mezzora: Denis offre a Bonaventura il più facile dei gol ma l’orobico cicca clamorosamente, la palla rimbalza sul petto di Paolo Cannavaro ed entra in rete. Uno a uno. Nella seconda frazione di gioco Mazzarri (poi “ovviamente” espulso) suona la carica: bellissimo il raddoppio di Cavani che elude la difesa bergamasca e batte Consigli. Non è da meno German Denis che, complice un’incertezza di De Sanctis, pareggia meritatamente. Chiude i conti Pandev con un tap-in a porta sguarnita, dopo un passaggio di Armero.

Pescara – Chievo Verona  0-2 / 88′ Stoian, 93′ Thereau / – Il Pescara, come il Palermo, si è forse arreso. All’evidenza. Troppo superiore il Chievo di Corini che – sebbene in chiusura – batte il Pescara di Bucchi. Il Pescara è molto sterile in attacco, il Chievo punge poco ma alla fine colpisce. Gran gol di Stoian – secondo gol in campionato, il primo proprio contro gli abbruzzesi nella gara d’andata – e raddoppio del migliore in campo Thereau. Il Pescara è davvero poca cosa.

Roma – Parma  2-0 / 7′ Lamela, 70′ Totti / – Immenso Totti. 226° gol, supera Nordhal e si porta al secondo posto in solitaria nella classifica dei migliori goleador di sempre nella storia del campionato di serie A – Piola, a 274 reti, è destinato a rimanere in testa. Un gol per tempo e la Roma batte il Parma di Donadoni raggiungendo Lazio e Inter (una partita in meno) a quota 47 punti. Apre Lamela al 7′, abile a deviare un tiro sbilenco di De Rossi dopo un rimpallo in area emiliana, e chiude proprio il capitano della Roma con una forte punizione sulla quale però Mirante sembra non essere irresistibile.

Torino – Lazio  1-0 / 78′ Jonathas / – Nel gelo di Torino, i granata battono la Lazio sotto una perenne nevicata e su un campo ai limiti della praticabilità.          Decide il brasiliano Jonathas con una splendida spaccata sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La visibilità è, per l’intera partita, ridotta ai minimi termini. Il Torino fa un balzo in avanti raggiungendo altre cinque squadre a quota 35 punti, la Lazio viene raggiunta dalla Roma.

Sampdoria – Inter  rinviata / Rinviato il posticipo tra Sampdoria e Inter per allerta meteo. Il possibile recupero si giocherà il 2 o il 3 aprile. Si attendono sviluppi in merito.

 

Simone Giuffrida

 

 

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.