Cultura

“Sensazioni Dinamiche”, fotografia e passione

di Francesco Seggio

Forme che si uniscono in una sinergia di passione sono protagonisti della raccolta fotografica di Francesco Seggio. La mostra “Sensazioni Dinamiche” è esposta presso L’Accademia Centro di Illuminotecnica, in via Generale Eugenio Di Maria n.73/A a Palermo. L’allestimento è stato curato da Alessandro Montemaggiore e Daniele Balsamo.

Queste fotografie ampliano la raccolta “Ritratti di danza”, esposta precedentemente all’Espace. In queste immagini vi è il desiderio di introdurre in un centro cosmico la danza come espressione totale dell’amore e dell’unione di più elementi. Il tango, ballo della passione per eccellenza, diventa il mezzo per raccontare uno scorcio di vita. «Sono partito dall’idea di rappresentare il tango – rivela Francesco Seggio – ma poi si è evoluto in altro». Infatti le foto suscitano sentimenti contrastanti; sono piene di eros e di romanticismo in ugual modo.

Il gioco del chiaro-scuro, che il fotografo ha applicato alle sue opere, avvolge i soggetti in ombre di calore, spezzate ogni tanto da colori forti al massimo della loro intensità, come il blu e il rosso. In molte foto vi è la presenza di una staticità di oggetti, lasciati appositamente dal fotografo, in netta contrapposizione un dinamismo chiaramente espresso dai corpi dei ballerini. «Ho fatto lasciare dei manichini per strada e li ho utilizzati per la foto» aggiunge. Ruolo importante ha acquisito Silvia Giuffrè, ballerina e protagonista di molte foto. «Silvia Giuffrè è stata fantastica, mi ha aiutato molto nella rappresentazione» ci racconta Francesco Seggio. I luoghi dove sono avvenuti gli scatti, Ballarò e Vucciria, assumono una valenza significativa se non fondamentale. Infatti Seggio ha voluto usare queste location proprio per vivere la danza del tango argentino, ballato per strada respirando aria di libertà.

 La luce viene a volte proiettata sui volti dei performer, a volte sui loro corpi che si uniscono nei movimenti creando un unico elemento : l’amore. Alla domanda “Come definirebbe queste fotografie con un solo aggettivo?” il fotografo risponde «Suggestive». In effetti il fascino di questi scatti lasciano suggestione all’osservatore e rendono questa mostra accattivante e piena di seduzione.

Alessandro Quartararo

Tags
Moltra altro

Articoli Correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.